Loud Albums

WARHAMMER – ‘At The Threshold Of Eternity’

Oggettività: ‘At The Threshold Of Eternity’ è il secondo disco dei greci Warhammer, da non confondersi con il gruppo indonesiano influenzato da Bathory, Celtic Frost ed Hellhammer. Il full length è stato prodotto da David Prudent e registrato e mixato ai Made In Hell Studios. Soggettività: questo disco non mi è piaciuto assolutamente. Il gruppo nasce principalmente come gruppo thrash metal tout court, per poi evolversi incorporando parti maggiormente ricche di groove, sfuriate ritmiche ai limiti del black metal (con tanto di tremolo picking) e partiture melodiche. Cosa non convince? Prima di tutto una produzione che mette in primo piano in modo quasi imbarazzante il basso di Jim Kalaskanis , che ci risuona nelle orecchie con un sound secco e dal volume esageratamente alto. Continuiamo? Le canzoni sono di quanto più distante dalla definizione di “bello” che potessimo ottenere. Una intro pessima, dai suoni pessimi e che, nel caso tentasse di essere anche solo lontanamente epica, ha mancato il bersaglio di qualche metro abbondante. Gli Arpeggi di chitarra presenti nel disco sono scontati e ripetitivi (e a volte quasi “stonati”). Bello il finale ai limiti del black metal di ‘Through The Realms’: il pezzo si impenna grazie ad un riffing glaciale sospinto da un ottimo George Tsavdaridis (sicuramente il fuoriclasse della band) alla batteria. Che sia questa la direzione giusta? Un metal estremo dai forti connotati melodic thrash? Non ci è dato saperlo, e per ora possiamo (e dobbiamo) solo continuare nell’ascolto di questo disco che non ci offre nessuna emozione e nessun colpo di scena. Hercules Giotis alla voce (oltre che alla chitarra) è protagonista di una prestazione senza infamia e senza lode, avvicinandosi spesso al timbro del nostro Steve Sylvester nazionale. Chitarre poco incisive, sepolte letteralmente da un basso invasivo e canzoni mediocri si susseguono fino al finale, qui affidato a ‘Resurrection From The Ashes’, una sorta di outro che vince la palma del pezzo peggiore dell’intero lotto (anche “grazie” ad una chitarra solista che definire straziante è dir poco). A completare il tutto una copertina pessima. Volgete la vostra attenzione altrove.

Tracklist:
01. The Nightmare Started…
02. Through The Realms
03. Collision
04. Stone Dead Warrior
05. Pandemonium
06. At The Threshold Of Eternity
07. Resurrection From The Ashes

Line-up:
Hercules Giotis – voce, chitarra
Dimitris Peppas – chitarra
Jim Kalaskanis – basso
George Tsavdaridis – batteria

Editor's Rating

Alberto Biffi

Alberto Biffi

Alla tenera età di 11 anni fui folgorato sulla via di Damasco da una voce divina e soprannaturale (Bruce Dickinson), che mi guidò sulla retta via del Signore (R.J. Dio). Da allora ho vagato nel mondo metal cercando la mia giusta collocazione; dapprima come groupie (ma dovetti rinunciare presto, troppo brutto e peloso), poi come musicista coinvolto in innumerevoli progetti nell'area rock lombarda ed infine come umile scribacchino digital-musicale. Già redattore per Truemetal.it, Italiadimetallo.it, Metalitalia.com, Suonidistortimagazine.it ed altre innumerevoli realtà minori ma sempre e comunque professionali ed appassionanti, mi accingo ad iniziare questa nuova entusiasmate avventura con loudandproud.it.

Post precedente

ARGOS - ¡Gritos al Cielo!

Post successivo

BEAST IN BLACK - Lasciano il tour in supporto ai W.A.S.P.