Loud Albums

THE NIGHTS – ‘The Nights’

Per facilitare la recensione del debutto dei The Nights dobbiamo inventarci un’etichetta apposita: “bubble-gum aor”. C’è un qualcosa di giovanilistico lungo le tracce di questo album, un qualcosa che nasce in primis dalla voce semi-adolescenziale di uno dei due fondatori della band, il singer Sami Hyde, in realtà non proprio l’ultimo arrivato visto il transito nella Tony Mills Band e la composizione di alcuni brani finiti sul primo e per ora ultimo grande disco targato The Magnificent. Voce a parte, lo stile di questi finlandesi è basato su un melodic rock piuttosto carico, moderno sia nel suono che nell’attitudine, sul quale si innestano melodie e cori che qualcuno definirà “glam”, qualcun’altro “hair”, ma che in realtà sono decisamente pop. Se dovessimo trovare dei riferimenti per definire meglio ciò che è contenuto in questo lavoro vi diremmo di prendere il gusto moderno dei connazionali e compagni di scuderia One Desire (con i quali condividono anche la predilezione per i suoni plastificati della sezione ritmica), per poi unirlo all’hard pop-rock dei Free Spirit, guarda caso pure loro finlandesi, ed infine passarlo attraverso la propensione commerciale dei Reckless Love, dunque ammiccante ad un pubblico extra-rock. Non a caso quest’ultimo nome torna prepotente nella biografia dell’altro personaggio che ha contribuito a fondare il gruppo due anni fa, il chitarrista Ilkka Wirtanen. E’ lui infatti il determinante produttore tuttofare dei quattro albums del quartetto fronteggiato da Olli Herman, nonchè il co-writer di molti loro brani, tra i quali spiccano le famose ‘Night On Fire’ e ‘Hot’, che qua cambiano nome e prendono le sembianze di ‘In A Blink Of An Eye’ e ‘Take Me To Heaven’, ruffianissime e che Frontiers farebbe bene lanciare con decisione come singoli. La scelta di “mettersi in proprio” di Ilkka e del suo sodale Sami Hyde ha generato questo ‘The Nights’, una collezione di tracce che da un lato saranno apprezzate dagli amanti delle sonorità appartenenti alle bands sopra menzionate, dall’altro da coloro che desiderassero chiudere gli occhi per immergersi nei panni di un rokkettaro o di una rokkettara in erba, alle prese con finti problemi di cuore e amori adolescenziali vissuti come fossero gli ultimi della propria vita. Ora non resta che attendere l’occasione di testare questi quattro finlandesi dal vivo, per constatare la convinzione che ripongono nella loro proposta e da lì prevedere quali prospettive potrà riservargli il futuro.

Tracklist:
01. Welcome To The Show
02. Nothing But Love
03. Juliette
04. I Will Never Stop Loving You
05. In A Blink Of An Eye
06. Hold On
07. Elegy (You Should Be Here)
08. Take Me To Heaven
09. You Belong To Me Tonight
10. I Wanna Be Your Superhero
11. We Can Rule The World

Line-up:
Sami Hyde – voce
Ilkka Wirtanen – chitarra
Jan-Erik Iivari – batteria
Harri Kokkonen – basso

Editor's Rating

Alberto 'Sentenza' Sassi

Alberto 'Sentenza' Sassi

Ho iniziato con le dipendenze metalliche da ragazzetto, all'alba dei famigerati anni '90. Eroi musicali senza tempo mi hanno protetto in quel controverso periodo, facendo sì che il cuore sia oggi saldamente irlandese, lo spirito scandinavo, e l'armatura che mi veste di puro acciaio britannico. Ufficialmente ho iniziato a scrivere qualcosa su Metal Maniac qualche anno fa, oggi spero solo di dare un piccolissimo ma passionale contributo al sostegno della scena.

Post precedente

CATEGORY VI - 'War Is Hell'

Post successivo

THE CRUCIFIER - Firmano con Punishment 18 Records