Loud News

TARKARD – Una nuova versione dell’EP ‘Schwarz-weiß wie Schnee’

Riceviamo e pubblichiamo:

Due mesi fa, le leggende del thrash tedesco TANKARD hanno suonato l’inno dell’Eintracht Frankfurt ‘Schwarz-weiß wie Schnee’ dinanzi a 30.000 tifosi, prima del calcio d’inizio della finale di coppa tra l’Eintracht Frankfurt e il Borussia Dortmund all’Olympiastadion di Berlino.

Oggi la band annuncia la nuova pubblicazione dell’EP ‘Schwarz-Weiß wie Schnee’ (pubblicato originariamente nel 2006 e sold out da oltre dieci anni). L’EP verrà pubblicato in CD e vinile 7” il 15 settembre 2017 su Nuclear Blast.

L’inno dell’Eintracht, che da dieci anni viene suonato allo stadio prima di ogni partita dell’Eintracht Frankfurt, è stato ri-registrato dalla band. Per l’occasione i thrasher sono stati accompagnati da Henni Nachtsheim (Badesalz), Ande Werner (Mundstuhl) e Roy Hammer (Roy Hammer & Die Pralinées) ai cori.

La tracklist dell’EP è la seguente:

01. Schwarz-weiß wie Schnee (Studioversion 2017)
02. Forza SGE
03. Schwarz-weiß wie Schnee (1999er Version)
04. One Foot in The Grave
05. A Girl Called Cerveza
06. (Empty) Tankard (live, 2016)

Le leggende del thrash metal tedesco TANKARD hanno pubblicato il loro diciassettesimo album in studio ‘One Foot In The Grave’ il 2 giugno su Nuclear Blast Records. Grazie all’enorme supporto della sua leale schiera di fan, il gruppo è entrato nella classifica tedesca al 26° posto, registrando così il miglior risultato mai ottenuto in tutta la propria carriera.

tankard frankfurt 2017

Luca Bernasconi

Luca Bernasconi

Classe 1972, fotografo professionista rock-metal di matrice prettamente “old school”.
Come fotografo, ho collaborato con Metallus.it, Truemetal.it, Metal Hammer Italia e dal 2005 al 2015 sono stato fotografo ufficiale di Metal Maniac.
Il mio sito personale: www.lucabernasconi.com
La mia pagina FB: www.facebook.com/lucabernasconiphotographer

Post precedente

WINTERSUN - Il singer Jari Mäenpää parla del concept dell'album, due date in Italia

Post successivo

NOW OR NEVER - Dal 'Fuck You We Rock Festival' al nuovo album