Loud Albums

TARCHON FIST – ‘Proud To Be Dinosaurs’ EP

Popolo strano il nostro… ci sbattiamo su e giù alla ricerca di prodotti di qualità e beni di consumo provenienti dall’estero – citiamo a caso cioccolato svizzero, carne argentina o birra tedesca – quando basterebbe solamente fermarsi un attimo, guardarsi in giro all’interno dei confini patri e scoprire con piacere che possiamo avere tutto ciò che desideriamo solamente allungando una mano. Tutto questo discorso si può tranquillamente applicare anche all’heavy metal, genere musicale che noi tutti amiamo e che gode di una salute di ferro, checché ne dicano i soliti lamentoni che giudicano protetti dal loro anonimato “internetiano” o dall’alto di chissà quale piedistallo dal quale è impossibile schiodarli. Certo, non avremo il pubblico che hanno i tedeschi o gli svedesi, non ci saranno band su band che vivono della loro musica…ma cazzo! La scena c’è e ribolle come sempre e può contare su decine e decine di gruppi con due palle così! I Tarchon Fist per esempio, fondati dal buon Lvcio dopo la scissione dei Rain avvenuta nel 2005 e presi a sassate da un destino beffardo, tra innumerevoli cambi di line-up e poca considerazione da parte dei fan italiani. Beh, sappiate – per chi ancora non li conoscesse – che i quattro brani contenuti in questo EP ‘Proud To Be Dinosaurs’ hanno insito in sé tutto il valore del combo bolognese. Quattro legnate di raffinato metal melodico che guarda in egual misura a Germania e Inghilterra, quattro preziose song che ci dimostrano quanto i “dinosauri” possano ancora dire la loro e mantenere alto il vessillo del metallo tricolore. E’ consuetudine nostra, quando si tratta di recensire EP o demo, lanciarci in un minuzioso track by track per spiegare meglio ogni passaggio e ogni song che compongono l’album; in questo caso no, non parleremo dei singoli brani, lasciamo a voi qualsiasi tipo di giudizio del “particolare”. Ci basta farvi sapere che ‘Proud To Be Dinosaurs’ va bevuto tutto d’un fiato, come uno shottino di tequila o di rum ma, al contrario dei superalcolici a cui bisogna fare sempre molta attenzione, vi consigliamo più brindisi, più “bevute” di questo EP. In redazione lo stiamo ascoltando ripetutamente da due giorni e ancora non c’è nemmeno una mezza nota che ci abbia annoiati… Basta parlare ora, alzate il culo dalla sedia e fate vostro questo piccolo capolavoro, godetevi ogni singolo riff e ogni singolo vocalizzo del bravissimo singer Ramon e poi fateci sapere. Brindiamo assieme in attesa del prossimo full-lenght targato Tarchon Fist. Salute!

Tracklist:
01. Proud To Be Dinosaurs
02. Sky Rider
03. Titan Of The Forest
04. Razor From The Abyss

Line-up:
Mirco “Ramon” Ramondo – Voce
Luciano “Lvcio” Tattini – Chitarra
Sergio “Rix” Rizzo – Chitarra
Marco “Wallace” Pazzini – Basso
Giacomo “Jack” Lauretani – Batteria

Editor's Rating

Martino Brambilla Pisoni

Martino Brambilla Pisoni

Amante del metal e del rock fin da bambino (cresciuto a pane e Litfiba da mio fratello), della montagna, del Milan ed ovviamente della Spagna. Nel mio piccolo alfiere del metal spagnolo in Italia, faccio la spola tra Lecco e Madrid per poter assistere ai numerosi concerti delle band iberiche che da quasi 40 anni infiammano con il loro metal dannatamente classico il suolo spagnolo.

Post precedente

WITHERFALL - Firmano con Century Media per l'Europa, i dettagli del nuovo album e lyric video online

Post successivo

PÄNZER - Il nuovo album 'Fatal Command' ad ottobre