Loud Albums

SUPERNOVA PLASMAJETS – ‘Supernova Plasmajets’

Per quanto un disco si giudichi principalmente e senza eccezioni per il contenuto musicale, anche la presentazione del gruppo ha comunque la sua importanza, specialmente in un momento dove immagine e comunicazione immediata sono fattori di non poca importanza per le band, spesso buttate acerbe in pasto al grande mostro famelico del music business. Per questo i Supernova Plasmajets con il loro primo full- length omonimo, ci disorientano un po’: l’immagine e la descrizione che li accompagnano sono quelle dello sleaze rock, del glam e dell’hard rock di nuova generazione, ma ascolto dopo ascolto, si fa strada la convinzione che ci troviamo davanti ad un disco di melodic pop-rock con tante buone idee, alcune ben realizzate, altre meno. Ma andiamo con ordine: l’impatto iniziale richiama i No Doubt, con una base corposa ingentilita dalla voce della grintosa Jennifer Crush, cantante dotata di entusiasmo e talento, ma che tende a non esplorare pienamente quelle che potrebbero essere le sfumature e le potenzialità reali della sua voce. I pezzi sono in effetti freschi e piacevoli, ma una struttura più semplice ed una conseguente minor durata dei brani, avrebbero reso più snello ed incisivo l’intero lavoro, che risente così di alcuni momenti di semplice noia. ‘Leave Forever’ è leggera e scanzonata, il suo carattere rispecchia totalmente l’anima del disco: tanta voglia di divertirsi, una strizzatina d’occhi al format ideale per le radio, un ponte immaginario costruito dalla Germania –terra natale del quintetto- alla California dei Blink 182 e delle Hole. L’energia iniziale si stempera con il passare di brani meno brillanti come ‘Will I Ever Know’ e ‘Fallin’ Backwards’, dove la ripetitività costringe il gruppo a pagar pegno. Una bella prova di Jennifer in ‘Hold You Close’, un pezzo coinvolgente che continua però a far sentire la mancanza di toni più profondi e caldi. Ottima invece la prestazione della coppia di chitarristi Manni McFly e Randy Stardust, specialmente in pezzi più diretti e ben costruiti, senza troppi voli pindarici, come ‘Turn Off The Lights’ e ‘Turn Around’. Le basi per migliorare ci sono, sembra necessario un lavoro più accurato per chiarire quale direzione seguire: lo sleaze ha bisogno di un’aggressività e di una sfrontatezza che qui per ora non vediamo. I Supernova Plasmajets con questo disco sono più che sufficienti, ma l’esperienza sarà loro molto utile e identificherà meglio il tipo di pubblico più adatto alla loro proposta musicale, dai contorni ancora troppo sfumati.

Tracklist:
01. Leave Forever
02. Supernovas Team
03. Hold You Close
04. Turn Off The Lights
05. Will I Ever Know
06. Nothing’s Gonna Stop Me Now
07. Hangin’ On My Lips
08. Faster
09. Fallin’ Backwards
10. Feel Your Fear
11. Turn Around

Line-up:
Jennifer Crush – voce
Manni McFly – chitarra
Randy Stardust – chitarra
Cliff Bourbon – basso
Alexis Rose – batteria

Editor's Rating

Fabiana Spinelli

Fabiana Spinelli

Classe 1983, iniziata dai Metallica, stregata dagli Helloween ed infettata dai Mercyful Fate. Una passione per tutta la musica rock e metal, dal thrash al death, dal progressive all'AOR, portatrice sana di power metal. Sono cresciuta collezionando le care vecchie riviste musicali, vivo per la musica live, incollata alle transenne dei concerti di mezzo mondo. Ho collaborato per tanti anni con Heavy Worlds, speaker radiofonica per Radiogas.it con la mia trasmissione 'Sick Things', dove unisco l'amore per la musica a quello per la letteratura e il cinema horror.

Post precedente

THE DOOMSDAY KINGDOM - Il lyric video di 'Hand Of Hell'

Post successivo

ROSS THE BOSS - Ascolta la nuova versione di 'Blood Of My Enemies'