Loud Albums

STORMAGE – ‘Dead Of Night’

Tre dischi in dodici anni. E’ il bottino non per forza ricco messo assieme dai tedeschi Stormage. Che con questo ‘Dead Of Night’ interrompono una pausa decennale passando alla Massacre Records. E lo fanno con quello che probabilmente è il loro disco migliore.  Non che la band germanica finora avesse brillato per qualità o originalità, va detto. Ma ‘Dead Of Night’ è un lavoro certo apprezzabile, anche se resta decisamente in ombra rispetto a tante altre release classic metal degli ultimi tempi. Gli Stormage si muovono su territori abbastanza classici, senza per forza risultare classicamente tedeschi, e senza nemmeno ispirarsi troppo apertamente a una band piuttosto che a un’altra. Il loro metal non è per forza tradizionale, anzi si apre a sonorità moderne – evidenti sia in un riffing eclettico e nervoso che in parti vocali molto persona, a tratti addirittura effettate. C’è un pizzico di Iced Earth, una buona dose di Brainstorm, una spolverata di atmosfere dark/gothic… E ci sono melodie che, va detto, convincono solo a tratti. Se ‘The Deadly Blow’, per cui non a caso è stato girato un video, è pezzo degno dei migliori Brainstorm,  altri brani faticano e non poco a restare in mente, né al primo ascolto né a prove successive. La passione degli Stormage è evidente, come del resto la loro costanza, ma per guadagnarsi la top league c’è ancora da lavorare. Detto questo, il disco è tutto meno che malvagio e si lascia ascoltare…

Tracklist:
01. Instinct to Defend
02. Anguish of Mind
03. Heretic Enemy
04. Prime of Life
05. Faithless God
06. In the Line of Fire
07. Drag You to Hell
08. Victims Eyes
09. The Deadly Blow
10. Borne the Agony

Line-up:
Heiko Heseler – voce, chitarra
Hugo Fromm – chitarra
Dirk Heggemann – basso
Vaseilos Georgiou – batteria

Editor's Rating

Sandro Buti

Sandro Buti

Scrivo di heavy metal dai lontani e gloriosi anni Ottanta. Prima su fanzine più o meno amatoriali, poi dalla metà degli anni Novanta su magazine come Flash, Metal Hammer e Metal Maniac. Sono da sempre un cultore della scena underground, perché è ricca e perché è da lì che tutti arriviamo...

Post precedente

ADAM BOMB - In uscita il libro 'So This Is Rock And Roll'

Post successivo

SCREAM 3 DAYS - Copertina del nuovo album, video dallo studio