Loud AlbumsOver the Top

STALLION – ‘From The Dead’

Tre anni fa, il primo full-length ‘Rise And Ride’ – e prima ancora l’EP ‘Mounting The World’ – aveva mostrato gli Stallion come band solida e compatta, capace di riprendere tutti i cliché dell’heavy metal ottantiano e di creare comunque un suono fresco e coinvolgente. Ora, ‘From The Dead’ ha il compito non per forza facile di ripetere quel risultato e di mostrare che l’ispirazione di allora non era solo passeggera. Ci riesce senza problemi, togliamoci subito il dubbio. Gli Stallion non cambiano la loro ricetta sonora, a metà strada tra lo speed metal dell’opener ‘Underground Society’ e l’heavy metal più melodico di ‘Down And Out’ e ‘Waiting For A Sign’. Anche la title-track e la conclusiva ‘Awaken The Night’ ci mostrano la vena più aggressiva della band, che con ‘Kill Fascists’ si concede anche un momento simil-hardcore – 16 secondi netti, ma il testo della precedente ‘From The Dead’ spiega tutto… Degna di nota anche la vorticosa ‘Black Box’, purissimo speed metal dalle cadenze rock’n’roll. Pur se non disdegnano temi seri nei loro testi, gli Stallion si confermano perfetta live band per la loro carica e sfrontata energia- sono anche passati dall’Italian un paio d’anni fa, in compagnia di Bullet e Striker… Il bello è che la loro energia traspare evidente anche dai pezzi in versione studio, cosa per nulla scontata. Conferma piena, heavy metal come da manuale degli anni Ottanta.

Tracklist:
01. Underground Society
02. Down and Out
03. Hold the Line
04. Waiting For a Sign
05. From the Dead
06. Kill Fascists
07. Lord of the Trenches
08. Blackbox
09. Step Aside
10. Awaken the Night

Line-up:
Pauly – voce
Axxl – chitarra
Oli G. – chitarra
Niki – basso
Aaron – batteria

Editor's Rating

Sandro Buti

Sandro Buti

Scrivo di heavy metal dai lontani e gloriosi anni Ottanta. Prima su fanzine più o meno amatoriali, poi dalla metà degli anni Novanta su magazine come Flash, Metal Hammer e Metal Maniac. Sono da sempre un cultore della scena underground, perché è ricca e perché è da lì che tutti arriviamo...

Post precedente

ALEPH - ‘Exhumed Alive' EP

Post successivo

COFFEINNE - ‘Circle Of Time’