Loud AlbumsTop Album

SPELLCASTER – ‘Night Hides The World’

Tre dischi in sei anni. Non si può certo dire che gli Spellcaster stiano con le mani in mano, anzi. La band di Portland conferma in toto la line-up rispetto al disco omonimo di due anni fa, e conferma anche la buona impressione lasciata anche on stage – hanno partecipato all’Headbangers Open Air nel 2015. ‘Night Hides The World’ esce per la Prosthetic Records e mostra un pizzico di melodia in più rispetto alle prove precedenti della band, che appartiene a pieno titolo alla cosiddetta nuova ondata metallica in versione americana. Come Striker, White Wizzard e Holy Grail, gli Spellcaster guardano in modo evidente a questa parte dell’Oceano, spruzzando melodie marcate su sonorità classicamente ottantiane, con il risultato di lasciarci otto pezzi immediati e assolutamente memorizzabili, costruiti mediamente su ritmi serrati – vedi ‘The Accuser’, ma sempre con un certo appeal commerciale che non guasta per nulla… I brani di ‘Night Hides The World’ scorrono via piacevoli senza per forza essere banali, costruiti su un chitarrismo davvero efficace – Cory Boyd e Bryce R. Van Hoosen sanno essere virtuosi, ma anche mettersi al servizio dei pezzi, con melodie e soprattutto armonie azzeccate. Anche i rari momenti in cui la band tira il fiato e sceglie ritmi più rallentati funzionano. E se poi aggiungiamo il cantato pulito ma personale di Tyler Loney, capiamo come gli Spellcastar abbiano tutti i numeri per farsi apprezzare, almeno dai metaller più tradizionalisti.

 

Tracklist:
1. Aria 04:26
2. Night Hides The World 03:50
3. The Lost Ones 06:34
4. Betrayal 06:53
5. I Live Again 04:31
6. The Accuser 04:34
7. The Moon Doors 04:57
8. Prophecy 07:12

Line-up:
Tyler Loney – voce
Cory Boyd – chitarra
Bryce R. Van Hoosen – chitarra
Gabe Franco – basso
Colin Vranizan – batteria

Editor's Rating

Sandro Buti

Sandro Buti

Scrivo di heavy metal dai lontani e gloriosi anni Ottanta. Prima su fanzine più o meno amatoriali, poi dalla metà degli anni Novanta su magazine come Flash, Metal Hammer e Metal Maniac. Sono da sempre un cultore della scena underground, perché è ricca e perché è da lì che tutti arriviamo...

Post precedente

OPERATION: MINDCRIME - Ascolta la nuova 'The Fight'

Post successivo

FESTA BIKERS 2016 - Vinci una Harley Davidson 883R