Loud Albums

SKINFLINT – ‘Chief Of The Ghosts’

Cose che non capitano tutti i giorni… ditemi voi quando e dove vi è capitato di leggere la recensione di un gruppo proveniente nientepopodimeno che dal Botswana. Sì, avete letto bene: BOTSWANA, stato africano famoso per la sua cucina e per gustosissimi piatti come pap, boerewors, samp, vetkoek ed i vermi mopani (grazie Wiki!). Tornando a noi e alla musica che più ci aggrada, vediamo un attimo di fare chiarezza circa lo stile proposto da questi Skinflint, power trio molto legato alla propria terra e ai ritmi tribali che da sempre scuotono l’intero continente africano. Metallicamente ci troviamo di fronte a un heavy molto quadrato, che affonda le sue radici in un primordiale sound che sa di ultimissimi anni Settanta, di ruvida schiettezza compositiva e di riff e soli dal sapore molto vintage. Un mix tra metal e qualcosina di stoner? Sì, diciamo di sì, anche se il primo prende spesso il sopravvento sul suo compagno di avventure più acido e paludoso. Ma ricordiamoci da dove vengono gli Skinflint ed ecco quindi che ci troviamo immersi in un universo di sciamaniche ritmiche che drogano il nostro cervello e la nostra anima, trasportandoci direttamente all’interno di un rituale nel bel mezzo della Savana. Forti di una proposta ovviamente molto personale, i Nostri non riescono però a decollare come dovrebbero e come ci saremmo aspettati da un album così unico nel suo (suo nel vero senso dalla parola) genere. ‘Chief Of The Ghosts’ si lascia ascoltare senza problemi, va ben oltre la sufficienza, ma risulta a tratti un po’ troppo indigesto e pesantino. Le atmosfere a volte dilatate che pervadono il disco sono abbastanza piacevoli, ma richiedono molti sforzi prima di essere comprese appieno, risultando a tratti un po’ troppo ostiche, complice anche una voce alquanto statica e non avvezza a partorire linee vocali cantabili o efficaci il giusto. Ci sentiamo comunque di premiare la personalità e la voglia da parte degli Skinflint di omaggiare il proprio passato e la propria terra, culla dell’umanità e della musica tutta. Buon viaggio (in tutti i sensi)!

Tracklist:
01. Borankana Metal
02. Ram Of Fire
03. Igungo
04. Anyoto Aniota
05. Ndondoncha
06. Rainbow Sankes
07. Milk Fever
08. Anger Of The Spirits
09. Chief Of The Ghosts

Line-up:
Giuseppe Sbrana – voce, chitarra
Kebonye Nkoloso – basso
Sandra Sbrana – batteria

Editor's Rating

Martino Brambilla Pisoni

Martino Brambilla Pisoni

Amante del metal e del rock fin da bambino (cresciuto a pane e Litfiba da mio fratello), della montagna, del Milan ed ovviamente della Spagna. Nel mio piccolo alfiere del metal spagnolo in Italia, faccio la spola tra Lecco e Madrid per poter assistere ai numerosi concerti delle band iberiche che da quasi 40 anni infiammano con il loro metal dannatamente classico il suolo spagnolo.

Post precedente

RUNNING WILD - Le ristampe degli album Noise Records ad agosto

Post successivo

TEN - Welcome To The Dark Side