Loud Albums

SANCTUARY – ‘Inception’

Splendida vetrina per il prossimo ed incombente album dei Sanctuary! Si perché se volessimo credere alla favoletta di una demo risalente al 1986, mezza ammuffita, bagnata, quasi distrutta, che viene poi restaurata a dovere (tra l’altro con una qualità strabiliante) allora questa release acquisterebbe almeno altri 20 “punti nostalgia”. Più pragmaticamente possiamo pensare che questo comunque fantastico lavoro di archeologia musicale serva per tener vivido l’interesse per la band di Warrel Dane, tornata a sollazzare le nostre orecchie con l’inaspettato come-back del 2014 (‘The Year The Sun Dies’). Praticamente la versione demo di ‘Refuge Denied’, con l’aggiunta di due inediti ritenuti al tempo (forse dal produttore Dave Mustaine?) troppo dissimili dal resto delle tracce. Uno di questi nuovi gioielli è posto (furbescamente) appunto in apertura di questo bel CD che si presenta con una (ri)evocativa copertina ad opera di Ed Repka. ‘Dream Of The Incubus’ risulta effettivamente differente dal sound puramente U.S. Metal che notoriamente caratterizzerà poi il debutto della band proto-nevermoriana. Maggiormente strutturata, teatrale ed oscura nel mood e nelle intenzioni, l’opener ci ricorda ancora (se dovesse servire!) di quanto e quando l’ugola di Dane fosse rara e preziosa. Per il resto abbiamo ‘Refuge Denied’ in una versione grezza, ma non troppo differente da ciò che sconvolse le nostre orecchie ormai decenni or sono. Troviamo paradossalmente un maggior controllo negli acuti di Dane, che poi deciderà di spingere al massimo per dimostrare al mondo che non solo Halford era in grado di emettere note ultrasoniche. Riff che ormai noi “vecchi” conosciamo a memoria, canzoni epicheggianti, nervose, tirate, elettriche. Concordiamo che anche ‘I Am Insane’ non fosse adatta ad apparire sul loro primo lavoro ufficiale, forse per un fatto maggiormente qualitativo che stilistico. Forse con un arrangiamento differente il brano avrebbe potuto meritarsi l’onore di una “promozione”, ma come ci viene presentato in questa demo riteniamo che la scelta di essere escluso dalla “serie A” sia stata corretta. Che dire insomma di questo disco? Necessario? No. Bello? Si.

Tracklist:
01. Dream Of The Incubus
02. Die For My Sins
03. Soldiers Of Steel
04. Death Rider/Third War
05. White Rabbit
06. Ascension To Destiny
07. Battle Angels
08. I Am Insane
09. Veil Of Disguise

Line-up:
Warrel Dane – voce
Lenny Rutledge – chitarra
Sean Blosl – chitarra
Jim Sheppard – basso
Dave Budbill – batteria

Editor's Rating

Alberto Biffi

Alberto Biffi

Alla tenera età di 11 anni fui folgorato sulla via di Damasco da una voce divina e soprannaturale (Bruce Dickinson), che mi guidò sulla retta via del Signore (R.J. Dio). Da allora ho vagato nel mondo metal cercando la mia giusta collocazione; dapprima come groupie (ma dovetti rinunciare presto, troppo brutto e peloso), poi come musicista coinvolto in innumerevoli progetti nell'area rock lombarda ed infine come umile scribacchino digital-musicale. Già redattore per Truemetal.it, Italiadimetallo.it, Metalitalia.com, Suonidistortimagazine.it ed altre innumerevoli realtà minori ma sempre e comunque professionali ed appassionanti, mi accingo ad iniziare questa nuova entusiasmate avventura con loudandproud.it.

Post precedente

LAST IN LINE - In studio a settembre per il nuovo album

Post successivo

SCUORN – 'Parthenope' (Limited Edition)