Loud Albums

RITCHIE BLACKMORE’S RAINBOW – ‘Live In Birmingham 2016’

Ritchie Blackmore ci ha tenuto sulle spine per tutti questi anni e solo all’annuncio del suo possibile ritorno al rock nel 2015 il mondo intero ha trattenuto il fiato per mesi. Quelle che dovevano essere poche apparizioni esclusive a Loreley, Bietigheim e Birmingham un anno dopo si sono trasformate invece in un tour inglese di quattro date. ‘Live in Birmingham 2016’ documenta fedelmente lo show tenutosi alla Genting Arena di Birmingham il 25 giugno 2016, purtroppo per la qualità, sia della performance della band che del mix finale, alla stregua di un bootleg. Come da copione, lo show è introdotto dalla citazione del Mago di Oz ‘Over The Rainbow’, ma la prima canzone – colpo di scena – è un’esecuzione gelida e con anche qualche errore di ‘Highway Star’ dei Deep Purple. A seguire una ‘Spotlight Kid’ che al primo ascolto risulta quasi raccapricciante alle orecchie di qualsiasi fan dei Rainbow, un po’ per la mancanza di quel tiro “metallaro” con cui Cozy Powell ci ha sempre viziati, un po’ per il mixing assolutamente al di sotto delle aspettative per un pezzo da novanta come Blackmore; voce e chitarra sovrastano esageratamente tutto il resto, tanto da farci dimenticare la presenza di un bassista nella band. Da ‘Mistreated’ in poi la situazione migliora gradualmente fino a trovare il giusto bilanciamento su brani come ‘Man On The Silver Mountain’ e ‘Catch The Rainbow’: la voce di Ronnie Romero è un’ottima scelta per riproporre i brani di Dio ed è proprio lui la forza motrice del gruppo durante questi. Un po’ meno pieni di entusiasmo risultano altri momenti del concerto, tra cui il medley di ‘Difficult To Cure’ e ‘Perfect Strangers’, in cui il tutto suona decisamente troppo meccanico per essere suonato da professionisti con esperienza. Il tono di quel “It’s done! It’s finished!” esclamato da Ronnie Romero alla fine di ‘Child In Time’ ci fa quasi sospettare che la sua sia un’esclamazione di sollievo più che un congedo. Se pensiamo che ci troviamo davanti allo stesso chitarrista di ‘On Stage’, è veramente un colpo al cuore ascoltare un album dal vivo presentato in questo modo, senza neanche un editing minimale per coprire le “magagne” – siamo pur sempre tutti esseri umani – che a chiunque potrebbero scappare in un contesto live. L’unica considerazione che ci resta da fare, alla luce di questo live, è che la figura del virtuoso eccentrico che l’ha definito fino al ritiro dal rock e la creazione dei Blackmore’s Night, ha ceduto il posto ad un ex-virtuoso, ormai scorbutico fino all’eccesso, una sorta di Ebenezer Scrooge in chiave rock che ha deciso di tagliare tutti i contatti con la sua vita passata e di rifiutare qualsiasi mano tesa in suo aiuto. Speriamo riceva presto la visita degli Spiriti del Natal… rock presente, passato e futuro!

Tracklist:
01. Over The Rainbow + Highway Star (Medley)
02. Spotlight Kid
03. Mistreated
04. Since You Been Gone
05. Man On The Silver Mountain
06. Soldier Of Fortune
07. Difficult To Cure + Toccata & Fugue in D minor (Medley)
08. Catch The Rainbow
09. Perfect Strangers
10. Long Live Rock ‘N’ Roll
11. Child In Time
12. Stargazer
13. Black Night + Woman From Tokyo (Medley)
14. Burn
15. Smoke On The Water

Line-up:
Ronnie Romero – voce
Ritchie Blackmore – chitarra
Jens Johansson – tastiere
Bob Nouveau – basso
David Keith – batteria
Candice Night – cori
Lady Lynn – cori

Editor's Rating

Giulia Mascheroni

Giulia Mascheroni

"I know I don't belong/And there's nothing I can do/I was born too late/And I'll never be like you" potrebbe essere la summa della mia adolescenza solitaria, passata ad imparare a memoria album, biografie e testi.
Dal 2013 vivo a Londra e, a parte sopravvivere, tutta la mia vita ruota attorno alla musica dal vivo, dalle vecchie glorie del passato alle band più underground.
Dal 2014 collaboro con Rock Hard Italia e Classic Rock Lifestyle e la mia missione personale è cercare di far scoprire anche al pubblico italiano cosa è "in" o "out" da queste parti.
Nel tempo libero suono la batteria, ma questa è tutta un'altra storia.

Post precedente

DEEP PURPLE – Il report del concerto @ Mediolanum Forum, Assago (MI) – 26.06.2017

Post successivo

GRAHAM BONNET BAND - Joey Tafolla è il nuovo chitarrista