Loud Albums

REPLACIRE – ‘Do Not Deviate’

Fanno paura. Suonano da paura ed hanno intuizioni melodiche spaventose. I Replacire sono onestissimi ed onestissima è la sempre lungimirante Season Of Mist, la quale raramente sbaglia un disco. Brava l’etichetta che identifica la band con un etica etimologica strappa-applausi: technical metal. Attenzione, non promuove questa band come death metal, progressive metal, technical death metal. La Season Of Mist dimostra di ascoltare le proprie band… e non è una cosa scontata. I Replacire hanno quel maledetto dono di saper demoralizzare gli ascoltatori che hanno avuto la malaugurata idea di suonare uno strumento. Suonano come una perfetta fusione tra i Disincarnate del grandissimo James Murphy, i Death, i Beyond Creation ed i Nothingface. Il combo di Boston è in grado di passare da intricatissime (attenzione!) partiture assolutamente e legittimamente death metal a ritornelli disturbanti in cui parti vocali pulite ed armonizzate rendono il tutto ancora più accattivante, unico ed originale. Non c’è traccia però di djent metal, death core o modernismi forzati e che “surfano” le onde delle mode. Qui quando si suona death, maledettamente death! L’impressione generale è appunto che il gruppo non si voglia chiudere in un recinto ma cerchi invece di utilizzare ogni colore a propria disposizione per dipingere il quadro musicale che ha ben chiaro e delineato. Picchiano sugli strumenti in modo impietoso, avvicinandosi spesso ai brutali Misery Index, ma sanno dosare bene ogni ingrediente (non abusando ad esempio delle sopra-citate voci “clean”), suonando in modo calcolato ma passionale. La band è la creatura personale di Eric Alper, un chitarrista che nella propria mente deve davvero nascondere un labirinto di idee, intricati disegni e molteplici influenze. Ennesimo “colpo grosso” (e non pensate ad Umberto Smaila) per la benemerita Season Of Mist.

Tracklist:
01. Horsestance
02. Act, Reenact
03. Built Upon the Grave of He Who Bends
04. Any Promise
05. Cold Repeater
06. Reprise
07. Moonbred Chains
08. Do Not Deviate
09. Spider Song
10. Traveling Through Abyss
11. Enough for One

Line-up:
Evan Berry – voce
Eric Alper – chitarra
Poh Hock – chitarra (live)
Zach Baskin – basso
Kendal “Pariah” Divoll – batteria (live)

 

 

Editor's Rating

Alberto Biffi

Alberto Biffi

Alla tenera età di 11 anni fui folgorato sulla via di Damasco da una voce divina e soprannaturale (Bruce Dickinson), che mi guidò sulla retta via del Signore (R.J. Dio). Da allora ho vagato nel mondo metal cercando la mia giusta collocazione; dapprima come groupie (ma dovetti rinunciare presto, troppo brutto e peloso), poi come musicista coinvolto in innumerevoli progetti nell'area rock lombarda ed infine come umile scribacchino digital-musicale. Già redattore per Truemetal.it, Italiadimetallo.it, Metalitalia.com, Suonidistortimagazine.it ed altre innumerevoli realtà minori ma sempre e comunque professionali ed appassionanti, mi accingo ad iniziare questa nuova entusiasmate avventura con loudandproud.it.

Post precedente

STRANA OFFICINA - In studio per il nuovo singolo 'Snowbound', previsto per maggio

Post successivo

LORDS OF BLACK - Ascolta la loro cover di 'Tears Of The Dragon' (Bruce Dickinson)