Loud Albums

OCTOBER 31 – ‘Metal Massacre 31’

Chi conosce King Fowley sa che è un tipo particolare. Non è solo il cantante degli October 31, dopo esserne stato a lungo anche il drummer, ruoli che ricopre e ha ricoperto anche nei deathster Deceased. Ha un mailorder, ha avuto un’etichetta, è un profondo conoscitore della scena underground, nonché un personaggio decisamente pittoresco. Un’icona si potrebbe dire, e non sarebbe del tutto sbagliato. Ma soprattutto una persona che si può permettere tutto o quasi. Stavolta, ha pensato di omaggiare la storica serie di compilation ‘Metal Massacre’, e lo ha fatto alla sua maniera. Con gli October 31 ha scelto una manciata di tracce prese dalle prime edizioni della raccolta – il brano più recente arriva dall’edizione VII, e stiamo parlando del 1986. Ma non ha scelto le band più famose transitate per la storica compilation della Metal Blade – Metallica, Overkill, Metal Church e tanti altri ancora… No no, per ‘Metal Massacre 31’ gli October 31 sono andati a rispolverare band e tracce decisamente meno note, dando ad ognuna di loro il proprio trattamento, quello di una band grezza e lontana da ogni possibile orpello, che va dritta al sodo. Il risultato è sorprendentemente omogeneo, complice l’approccio diretto della band e lo stile vocale ruvido del suo leader: l’impressione è quella di ascoltare qualcosa che arriva direttamente dagli anni Ottanta, anche nei suoni, cupi il giusto. Omen e Hallows Eve sono probabilmente le band più famose del lotto – ‘Torture Me’ e ‘Metal Merchants’ sono senza dubbio tra gli highlight del disco, assieme a ‘Heavy Metal Virgin’ degli Aloha di Marty Friedman – rilettura devastante – e ‘The Alien’ dei Sacred Blade, forse la band più sottovalutata nella storia dell’heavy metal classico. Il disco è godibile dalla prima all’ultima nota, un viaggio nel passato affascinante e non privo di sorprese, con un cicerone di certo all’altezza. Divertente, e non solo.

Tracklist:
01. Cross My Way (Death Dealer Cover)
02. Forbidden Evil (War Cry Cover)
03. Torture Me (Omen Cover)
04. The Awakening (Titanic Cover)
05. Dead Of The Night (Demon Flight Cover)
06. Heavy Metal Virgin (Aloha Cover)
07. The Alien (Sacred Blade Cover)
08. Metal Merchants (Hallow’s Eve Cover)
09. The Warrior (Final Warning Cover)
10. The Battle Of Armageddon (Tyrant Cover)

Line-up:
King Fowley – voce
Matt Ibach – chitarra
Brian Williams – chitarra
Jim Hunter – basso
Sean Wilhide – batteria

Editor's Rating

Sandro Buti

Sandro Buti

Scrivo di heavy metal dai lontani e gloriosi anni Ottanta. Prima su fanzine più o meno amatoriali, poi dalla metà degli anni Novanta su magazine come Flash, Metal Hammer e Metal Maniac. Sono da sempre un cultore della scena underground, perché è ricca e perché è da lì che tutti arriviamo...

Post precedente

THE HAUNTED - Deal con Century Media Records e tour nei primi mesi del 2017

Post successivo

CIVIL WAR - il cantante Nils Patrik Johansson lascia la band