Loud Albums

NIGHT LEGION – ‘Night Legion’

I Night Legion arrivano dall’altra parte del mondo. Letteralmente, nel senso che sono australiani. Sono al debutto, ma hanno alle spalle esperienze importanti a livello personale – il chitarrista Stu Marshall è attivo nei Death Dealer e ha fatto parte degli storici Dungeon, assieme al bassista Glenn Williams, mentre il vocalist Vo Simpson è passato per Darker Half ed Empires Of Eden. Musicalmente, il quartetto ci offre un classico heavy metal di scuola europea, costruito su ritmi mediamente veloci e soprattutto dotato di melodie immediate e “cantabili”. Musicalmente c’è poco da dire, i pezzi sono ben costruiti e qua e là i Night Legion si permettono anche di spaziare – verso l’hard rock in ‘Enter The Storm’, verso sonorità più estreme in ‘Hell Below’. Stu Marshall si concede qualche virtuosismo senza esagerare e senza appesantire troppo brani che scorrono via in modo piacevole, senza troppe sorprese. Quello che davvero non funziona è il cantato, privo della dovuta potenza e spesso e volentieri fuori linea. Il timbro di Vo Simpson è particolare, pensate a Niklas Stalvind dei Wolf, ma a mancare in modo evidente è la variabilità necessaria a completare pezzi ben strutturati, da qualche parte tra Paragon, Nocturnal Rites e Crystal Eyes. Il risultato è quello di un disco nella sostanza discreto, cui però manca qualcosa per lasciare un segno durevole.

Tracklist:
01. Into The Light
02. Night Legion
03. Enter The Storm
04. The Warrior
05. This Time
06. Hell Below
07. The Eye Of Hydra
08. As Flames Scorch The Ground
09. Titan

Line-up:
Vo Simpson – voce
Stu Marshall – chitarra
Glenn Williams – basso
Clay T – batteria

Editor's Rating

Sandro Buti

Sandro Buti

Scrivo di heavy metal dai lontani e gloriosi anni Ottanta. Prima su fanzine più o meno amatoriali, poi dalla metà degli anni Novanta su magazine come Flash, Metal Hammer e Metal Maniac. Sono da sempre un cultore della scena underground, perché è ricca e perché è da lì che tutti arriviamo...

Post precedente

MORPHESIA – 'I Forever End'

Post successivo

VUUR – 'In This Moment We Are Free - Cities'