Loud Albums

NECROSHINE – ‘Dechristianrites’

Suonano black metal dal 2001, incidono per Kult Of Satan, scrivono pezzi intitolati ‘Blowjobing Jesus’, ‘Washed By Holy Cum’ e ‘Christian Slut’. Insomma possiamo muovergli qualsiasi critica ma non quella di essere incoerenti. I Necroshine si presentano (ovviamente) con una copertina (bruttina) blasfema al punto giusto, un logo “pentacolato” e croci sparse buttate li un po alla pene di canide ma…rileggete qualche riga sopra: coerenza. Insomma i Nostri si rivolgono solo ed unicamente ad un pubblico di nicchia, quei metallari profondamente legati al black blasfemo ed anticristiano che tanto ci colpì negli anni 90, quando noi della vecchia guardia avevamo 14 anni. Ora il problema (se si può definire tale) è proprio questo. Interesseranno ancora ai vecchi blackster? Od il loro potenziale pubblico resta recluso in quella fascia anagrafica dove bestemmie, croci capovolte e titoli come ‘Crushed By The Cross’ fanno ancora il loro maledetto effetto? Noi siamo qui a parlare di musica e quella, signori miei, non è per nulla male. Suonano in modo (realmente) convinto i ragazzi dei “Necro” e suonano con mestiere e perizia. C’è tutto anche dal punto di vista del penta(colo)gramma: chitarre zanzarose, melodie subliminali disegnate dal furioso tremolo picking di Marco, un basso che segue (anti)religiosamente la chitarra ed una batteria furiosa ma pulita ed essenziale. Brani della durata media da manuale (4 minuti) ed una produzione più che discreta rendono questo prodotto decisamente appetibile. Citiamo l’opener ‘Blojobing Jesus’, con una parte recitata malignamente raggelante, una melodicamente apprezzabile ‘In The Splendor Of Mutilation’ ed una dinamica ‘Death Always Comes Too Late’. Lasciamo per ultimo il buon Matteo, screamer di razza che permea di sincera malvagità questo ‘Dechristianrites’, con una prestazione strappa-applausi. Un disco che non ci sorprende ma è verace e spontaneo come una bestemmia.

Tracklist:
01. Blowjobing Jesus
02. Blood Of Christ
03. Washed By Holy Cum
04. In The Splendor Of Mutilation
05. Death Always Comes Too Late
06. Christian Slut
07. Crushed By The Cross
08. War Of Whores§
09. Esequie

Line-up:
Matteo – voce
Marco – chitarra
Snake – basso
Dave – batteria

Editor's Rating

Alberto Biffi

Alberto Biffi

Alla tenera età di 11 anni fui folgorato sulla via di Damasco da una voce divina e soprannaturale (Bruce Dickinson), che mi guidò sulla retta via del Signore (R.J. Dio). Da allora ho vagato nel mondo metal cercando la mia giusta collocazione; dapprima come groupie (ma dovetti rinunciare presto, troppo brutto e peloso), poi come musicista coinvolto in innumerevoli progetti nell'area rock lombarda ed infine come umile scribacchino digital-musicale. Già redattore per Truemetal.it, Italiadimetallo.it, Metalitalia.com, Suonidistortimagazine.it ed altre innumerevoli realtà minori ma sempre e comunque professionali ed appassionanti, mi accingo ad iniziare questa nuova entusiasmate avventura con loudandproud.it.

Post precedente

STEVE'N'SEAGULLS - Una data in Ticino (CH) a giugno

Post successivo

MOUNTAINS CRAVE – 'As We Were When We Were Not'