Loud News

MUSICRAISER – La piattaforma di crowdfunding diventa etichetta discografica

Riceviamo e pubblichiamo:

Musicraiser: la prima piattaforma di crowdfunding a diventare etichetta discografica grazie alle dinamiche della gamification.

Musicraiser ha già consolidato il suo ruolo di market leader nell’ambito del crowdfunding musicale, distribuendo oltre 4 Milioni di Euro a più di 1100 artisti che hanno utilizzato la piattaforma per finanziare i propri progetti musicali con il supporto di una community di quasi 140.000 utenti.

Fino a ieri, gli artisti che producevano il proprio album grazie a Musicraiser, dovevano gestire autonomamente il proprio ingresso nel mercato discografico. Oggi invece, grazie al lancio di Musicraiser Accelerator, la piattaforma diventa anche un’etichetta discografica, pubblicando e distribuendo tutti gli album degli artisti che avranno coinvolto nella propria campagna di crowdfunding almeno 250 raiser (fan).

In che modo? Applicando le logiche della gamification al proprio modello di business basato sul crowdfunding.

Come funziona?

Musicraiser ha lanciato il suo nuovo servizio Musicraiser Accelerator:

Un percorso che permette a tutti gli artisti di creare una campagna di crowdfunding mirata alla realizzazione di nuovi album, e di sbloccare così 7 diversi livelli promozionali in base al numero di raiser coinvolti (sostenitori della campagna di crowdfunding). Ogni livello sbloccato di Musicraiser Accelerator consente agli artisti di ottenere diversi privilegi offerti dalla piattaforma: dalla possibilità di suonare live, fino ad avere in regalo tutti i cd prenotati nella campagna, dal mastering gratuito del proprio album ad una visibilità complessiva stimata di oltre 200.000 persone.

Ovviamente il traguardo più ambito è legato all’ultimo livello del Musicraiser Accelerator, che garantisce una vera e propria proposta discografica a tutti gli artisti in grado di coinvolgere 250 partecipanti e la possibilità di vedere il proprio album stampato, distribuito (sia fisicamente che in digitale) e promosso da Musicraiser e i suoi partner.

Il futuro di Musicraiser

Grazie a questo nuovo modello di crowdfunding, alcune tra le prossime uscite discografiche vedranno così il logo di Musicraiser, una realtà nata dalla rete e dal mondo startup. Un grande ed importante passo che dimostra quanto la tecnologia e l’innovazione possano realmente portare dei cambiamenti ad un settore di riferimento, che nel caso di Musicraiser è quello dell’industria musicale.

Come dichiarato da Giovanni Gulino, co-founder e CEO di Musicraiser: “Musicraiser Accelerator è una alternativa all’autoproduzione o al continuobussare alle porte delle case discografiche, un modo meritocratico per coinvolgere il pubblico e condurlo in una esperienza di successo collettivo.”

More info: https://www.facebook.com/Musicraiser/

musicraiser accellerator

Luca Bernasconi

Luca Bernasconi

Classe 1972, fotografo professionista rock-metal di matrice prettamente “old school”.
Come fotografo, ho collaborato con Metallus.it, Truemetal.it, Metal Hammer Italia e dal 2005 al 2015 sono stato fotografo ufficiale di Metal Maniac.
Il mio sito personale: www.lucabernasconi.com
La mia pagina FB: www.facebook.com/lucabernasconiphotographer

Post precedente

WOLFSHEAD - Lyric video di 'Division Of The Damned'

Post successivo

BLEEDING GODS – Firmano per Nuclear Blast Records, il nuovo 'Dodekathlon' a gennaio