Talks

LABYRINTH – L’anteprima del nuovo singolo ‘A New Dream’

Sette anni sette dall’ultimo lavoro in studio dei Labyrinth, quel ‘Return To Heaven Denied Pt.2’, che solo in parte replicò il successo incontenibile del suo predecessore. Anno 2017, siamo alla fine di febbraio e mancano meno di due mesi all’uscita dell’inaspettato ‘Architecture Of A Dream’. Inaspettato perchè, dopo lo show messicano dell’agosto 2015 in cui si celebrò (a distanza di 17 anni) il primo ‘Return…’, in molti avevano perso le speranze – il sottoscritto soprattutto – di poter ascoltare un nuovo full-lenght targato Labyrinth. E invece, arrivò la notizia della loro partecipazione al primo Frontiers Metal Festival (sempre con tutto ‘Return…’), il conseguente deal con la label partenopea e ovviamente l’annuncio di un nuovo platter. A metà febbraio l’annuncio del titolo dell’album, magniloquente ed ambizioso: ‘Architecture Of A God’. Ed ora ci troviamo nelle orecchie – in anteprima, grazie alla disponibilissima Frontiers Music Srl – il primo singolo ‘A New Dream’.

L’attacco armonico elettrico/acustico richiama immediatamente la meravigliosa ‘Night Of Dreams’. Ti soffermi a riflettere un secondo e capisci che il titolo, in effetti, non poteva che ricondurre ad un nuovo appuntamento onirico targato Labyrinth. La struttura è però decisamente più robusta di ‘Night…’, dove il drumming roccioso di John Macaluso si fonde a meraviglia col basso di Nik Mazzucconi, stendendo così un supporto ritmico davvero eccezionale. Roberto Tiranti è in uno spolvero incredibile: freschissimo e diretto il suo cantato, con un refrain che ti si stampa all’istante in testa. Ispiratissimo il lavoro che Oleg Smirnoff svolge nel bridge, con un – neanche tanto – vago accenno al miglior J.M. Jarre. Fa poi accapponare la pelle il solo tra Olaf Thorsen prima ed Andrea Cantarelli poi: una raffinatezza di rara fattura, che conduce alla parte finale del brano. Brano che non può che lasciarti stampato un sorriso a trentadue denti e conscio del fatto che i Labyrinth, quelli che abbiamo amato alla follia sul finire dei ninenties, sono tornati. Per riprendersi di prepotenza il proprio posto nell’Olimpo delle migliori metal band tricolori: il 21 aprile è sempre più vicino.

Labyrinth

Luca Bernasconi

Luca Bernasconi

Classe 1972, fotografo professionista rock-metal di matrice prettamente “old school”.
Come fotografo, ho collaborato con Metallus.it, Truemetal.it, Metal Hammer Italia e dal 2005 al 2015 sono stato fotografo ufficiale di Metal Maniac.
Il mio sito personale: www.lucabernasconi.com
La mia pagina FB: www.facebook.com/lucabernasconiphotographer

Post precedente

TOKYO MOTOR FIST - Guarda il video di 'Pickin’ Up The Pieces'

Post successivo

SACRED GATE - 'Countdown To Armageddon'