Loud AlbumsOver the Top

IRON SAVIOR – ‘Reforged – Riding On Fire’

Venti anni. Tanto ormai è passato dall’esordio degli Iron Savior, ai tempi considerati poco più di un side-project di Gamma Ray e Blind Guardian – della prima formazione facevano parte anche Kai Hansen e Thomen Stauch. Il tempo però si è mostrato galantuomo per la band di Piet Sielck, che attraverso una serie impressionante di alti e bassi ha saputo tenere duro e pilotare con mano ferma la sua creatura. Il risultato? Una carriera ventennale, una decina di album in studio, un following fedele e in crescita costante, un posto ben saldo nell’elite del power metal europeo. E tutto senza nemmeno una traccia dell’hype che ha a tratti accompagnato altre band, più o meno vicine. Gli Iron Savior non sono di moda, non lo sono mai stati. Ma hanno continuato a macinare heavy metal, con il giusto equilibrio di potenza e melodia, scrivendo una manciata abbondante di potenziali hit, che altre band di nome si sognano. Questa loro capacità esce ancor più evidente di fronte a una release come ‘Reforged’, nella quale per froza di cose Piet Sielck guarda al passato della sua band per rileggerlo. La storia è nota: i diritti delle prime uscite firmate Iron Savior hanno compiuto un percorso tortuoso prima di tornare alla “nuova” Noise, che però non ha intenzione di ripubblicare nulla a breve, e quindi la formazione di Amburgo ha deciso di registrare nuovamente una selezione delle sue tracce migliori – si arriva fino a ‘Battering Ram’, del 2004. Il risultato? Francamente apprezzabile, anche perché i brani non sono stati stravolti, ma sono stati riletti in modo abbastanza fedele, semplicemente con i minimi aggiustamenti di una produzione attuale – suoni un po’ più compressi, toni più bassi, ma nulla di radicalmente diverso. Personalmente, sono un grande fan delle versioni originali, ma anche queste si fanno ascoltare. E soprattutto, mettere diciannove (!) delle loro migliori tracce in fila, una dietro l’altra, ci fa capire che songwriter sottovalutato è Piet Sielck. Pezzi come ‘Battering Ram’, ‘Titans Of Our Time’, ‘Mind Over Matter’ e ‘Condition Red’ sono esempi perfetti di come spesso gli Iron Savior siano stati in grado di trovare il mix ideale tra potenza, melodia e immediatezza, perfetto on stage ma dannatamente efficace anche su disco. E con un entusiasmo che traspare ancora oggi, tra i solchi digitali di questo doppio CD, curato davvero in modo esemplare. La considerazione finale è una e obbligata, di gruppi come gli Iron Savior ne servirebbero anche di più… Acquisto indiscutibilmente consigliato.

Tracklist:
01. Riding On Fire
02. Battering Ram
03. Brave New World
04. Prisoner Of The Void
05. Titans Of Our Time
06. Eye To Eye
07. For The World
08. Mindfeeder
09. Watcher In The Skye
10. Mind Over Matter
11. Warrior
12. Iron Savior
13. Tales Of The Bold
14. No Heroes
15. Break The Curse
16. Condition Red
17. Protector
18. I’ve Been To Hell
19. Atlantis Falling

Line-up:
Piet Sielck – voce
Joachim “Piesel” Küstner – chitarra
Jan-Sören Eckert – basso
Patrick Klose – batteria

Editor's Rating

Sandro Buti

Sandro Buti

Scrivo di heavy metal dai lontani e gloriosi anni Ottanta. Prima su fanzine più o meno amatoriali, poi dalla metà degli anni Novanta su magazine come Flash, Metal Hammer e Metal Maniac. Sono da sempre un cultore della scena underground, perché è ricca e perché è da lì che tutti arriviamo...

Post precedente

PROCESSION – Il report del concerto @ Blue Rose Saloon, Bresso (MI) – 01.12.2017

Post successivo

MIDNATTSOL - Nuovo album nel 2018, Liv Kristine special guest