Loud Albums

INSANIA.11 – ‘Di Sangue E Di Luce’ EP

Noi redattori amiamo band come gli Insania.11. Letteralmente. Amiamo questa passione che nutrono per la propria proposta, amiamo le attenzioni con la quale la coccolano, la presentano fieri e giustamente orgogliosi. Chi vi scrive ha ricevuto il loro EP direttamente a casa, dalle loro amorevoli mani di “padri” artistici. Un CD dalla grafica curata professionalmente, dai suoni e dal mixaggio perfetto, accompagnato da un flyer graficamente ineccepibile, con una foto professionale dove i due membri della band indossano anche il loro merchandise. Una biografia esaustiva ed attenzione, anche una lettera scritta a mano indirizzata direttamente a Loud And Proud Italia. Alla faccia delle band che se potessero si limiterebbero a fischiettarti il loro ultimo disco al telefono. E devi pure ringraziare. Ah! Dimenticavamo… è un autoproduzione. Questo incipit non voleva sottolineare che la musica (anzi… la Musica) sia in secondo piano rispetto al resto, ma che un artista dovrebbe “viziare” la propria arte, cullandola come una neonata che si affaccia in questo mondo congestionato da mille proposte quotidiane, alcune volgari, altre prepotenti, altre inutili. Insomma l’arte è lo specchio della vita. Trattiamola bene. La musica? Un death iper tecnico con influenze assolutamente progressive. Una proposta violentemente guitar-oriented, dove cento riff vengono assemblati con intelligenza ed una notevole e palese conoscenza musicale. Basso e batteria sono stati programmati dai due membri della band, entrambe chitarristi che si lanciano in prestazioni chirurgiche, tecnicamente impressionanti. Suoni potenti e moderni, asce ad 8 corde che vengono sfruttate al meglio, ed una voce – quella di Samaang – che alterna un cantato aggressivo a parti davvero accostabili al growl. Cantano in italiano. Si. Ricapitoliamo? Sono un duo di virtuosi della chitarra che suonano un death progressivo cantato in italiano. Idea spettacolare…e riuscita. A volte possono ricordare il più violento e schizzato Ihsahn, altre volte sono accostabili alle famose band technical death metal anni 90, il tutto rivisto in chiave moderna e con un tocco di Meshuggah. E cantano in italiano. Ma forse l’avevamo detto. Fanno capolino dei suoni elettronici ed arpeggi di chitarra sopratutto nell’ultimo brano di questo EP, la bellissima ‘B Naural (I Figli Del Quinto Sole)’, traccia che speriamo definisca il sound futuro della band. Dove sono infatti i pochi difetti di questo lavoro? Principalmente l’omogeneità dei brani e la ripetitività di certi schemi quasi “algebrici”. Riteniamo che se la band – forte delle proprie capacità tecniche – inserirà partiture chitarristiche più ariose, volte a dare respiro a claustrofobici brani, non potrà che avere un miglioramento esponenziale. Immaginiamo questo EP, con assoli melodici che spezzino i ritmi matematici, parti elettroniche maggiormente in evidenza e un pizzico di coraggio in più… un potenziale capolavoro.
Ora, su le maniche ragazzi: cercate almeno un terzo elemento che vi possa aiutare in sede live ed iniziate a calcare i palchi, che band come voi servono.

Band info: https://www.facebook.com/Insania11/

Tracklist:
01. Uroboros
02. Metamorfosi
03. Nosferat (Aspettando L’Alba)
04. I Morti
05. B Naural (I Figli Del Quinto Sole)

Line-up:
Samaang – voce, chitarra
Ethrum – chitarra

 

Editor's Rating

Alberto Biffi

Alberto Biffi

Alla tenera età di 11 anni fui folgorato sulla via di Damasco da una voce divina e soprannaturale (Bruce Dickinson), che mi guidò sulla retta via del Signore (R.J. Dio). Da allora ho vagato nel mondo metal cercando la mia giusta collocazione; dapprima come groupie (ma dovetti rinunciare presto, troppo brutto e peloso), poi come musicista coinvolto in innumerevoli progetti nell'area rock lombarda ed infine come umile scribacchino digital-musicale. Già redattore per Truemetal.it, Italiadimetallo.it, Metalitalia.com, Suonidistortimagazine.it ed altre innumerevoli realtà minori ma sempre e comunque professionali ed appassionanti, mi accingo ad iniziare questa nuova entusiasmate avventura con loudandproud.it.

Post precedente

VANDROYA – ‘Beyond The Human Mind’

Post successivo

VENDETTA - Ascolta 'On The Road' dalla re-release di 'Go and Live... Stay and Die'