Loud Albums

HEXX – ‘Wrath Of The Reaper’

Terza reincarnazione per gli Hexx, band che dagli albori della scena thrash metal californiana ha potuto vantare un sound squisitamente personale e aperto a tutte le influenze che lo US metal – e non solo – aveva, e ha ancora oggi, da offrire. Dal thrash al death metal, dal power allo speed… i nostri hanno provato di tutto, si sono fatti sedurre da qualsiasi sensuale lato cromato di quella bella donna che è l’heavy metal. Tornano quindi con questo ‘Wrath Of The Reaper’, onestissimo lavoro che va a recuperare quegli elementi speed che tanti anni fa fecero la fortuna di album come ‘No Escape’ e ‘Under The Spell’, giusto per fare un vertiginoso salto nel culto più totale. Il nuovo singer Eddy Vega può contare su di una voce cangiante e affilata come una sega arruginita, perfetta per quello tsunami sonoro che ci scatenano addosso gli Hexx del 2017. Lo spirito dei Judas più incazzati e del buon Halford aleggiano su ‘Wrath Of The Reaper’ per tutta la sua durata, anche se non mancano episodi più tirati e aggressivi, come la thrashosa ‘Exhumed For The Reaping’ che tanto ricorda la ragionata follia degli Helstar. Riff al vetriolo e una batteria che resisterebbe a più esorcismi sono gli altri ingredienti che galleggiano in questo calderone metallico, amalgamandosi alla perfezione con la già citata voce di Eddy. Gli Hexx non si discostano più di tanto dalle coordinate sulle quali hanno sempre viaggiato a inizio carriera e ci consegnano un lavoro malizioso e genuino, figlio di quella passione che da sempre guida coloro che hanno gettato le basi del thrash metal ormai quasi quarant’anni fa. ‘Wrath Of The Reaper’ arriva alla fine senza particolari scossoni e ovviamente non ci aspettavamo chissà quali soprese. Ma a noi va benissimo così e i nostri lettori più accaniti lo sanno. L’onestà e l’abnegazione vengono sempre premiate e, se trovano la loro dimensione ideale in uno speed metal spaccaossa come quello degli Hexx, lasceranno sicuramente il segno. Ah, ci stavamo quasi dimenticando di dirvi che il bellissimo artwork è stato curato dal nostrano Roberto Toderico. Cosa potremmo chiedere di più?

Tracklist:
01. Macabre Procession Of Specters
02. Screaming Sacrifice
03. Slave In Hell
04. Swimming The Witch
05. Dark Void Of Evil
06. Unraveled
07. Voices
08. Exhumed For The Reaping
09. Circle The Drain
10. Wrath Of The Reaper
11. Certificate Of Death (CD Bonustrack)

Line-up:
Eddy Vega – voce
Dan Watson – chitarra
Bob Wright – chitarra
Mike Horn – basso
John Shafer – batteria

Editor's Rating

Martino Brambilla Pisoni

Martino Brambilla Pisoni

Amante del metal e del rock fin da bambino (cresciuto a pane e Litfiba da mio fratello), della montagna, del Milan ed ovviamente della Spagna. Nel mio piccolo alfiere del metal spagnolo in Italia, faccio la spola tra Lecco e Madrid per poter assistere ai numerosi concerti delle band iberiche che da quasi 40 anni infiammano con il loro metal dannatamente classico il suolo spagnolo.

Post precedente

TIERRA SANTA - Artwork e data di pubblicazione del nuovo 'Quinto Elemento'

Post successivo

AMORPHIS - Nuovo deal con Nuclear Blast Records, nuovo album nel 2018