Loud News

DEEP PURPLE – Anche Steve Morse vorrebbe una reunion finale dei Deep Purple con Ritchie Blackmore

Steve Morse, chitarrista dei DEEP PURPLE ha risposto a Billboard, che gli ha chiesto un commento alle recenti parole con le quali Ritchie Blackmore si è dichiarato interessato a suonare almeno un’ultima volta con i DEEP PURPLE. Queste le parole di Steve Morse: “Lui è stato uno dei membri fondatori dei Deep Purple. I fans amerebbero questa reunion. Sarebbe bello, io penso, coinvolgere tutti in un gran finale, mettendo da parte i contrasti e le animosità. Sarebbe bello se la band avesse la possibilità di esibirsi per un’ultima performance con Ritchie Blackmore, Chiunque coinvolto in questa reunion finale si divertirebbe, se si potessero superare le barriere psicologiche.”

Ricordiamo che il leggendario co-fondatore dei DEEP PURPLE, Ritchie Blackmore, non suona con la band dal 1993, l’anno della sua uscita dal gruppo. Morse è entrato nella band nel 1994 ed è ora diventato il chitarrista dei Deep Purple con la più lunga militanza nella formazione inglese. Ritchie Blackmore rimane comunque uno dei più influenti chitarristi della storia dell’heavy rock, il riff di ‘Smoke On The Water’ è uno dei più conosciuti di sempre e gli assoli di ‘Highway Star’ e ‘Burn’ e ‘Child In Time’ hanno fatto scuola (chiedere a Y. J. Malmsteen).

Deep Purple8

 
 
 
 
 
Massimo Incerti Guidotti

Massimo Incerti Guidotti

Ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi: tre incarnazioni del Sabba Nero in altrettante decadi, il canto di un Dio tra Paradiso (Perduto) ed Inferno, i fiordi ed i Kamelot in Norvegia, lo Sweden Rock Festival, il Fato Misericordioso ed il Re Diamante, il sognante David Gilmour a Pompei, i Metal Gods in Polonia, uno straziante Placido Domingo alla Scala. Sono stato sommerso dal fango in Svizzera per il 'Big 4'... ma sono ancora qui. E tutti quei momenti non andranno mai perduti nel tempo, perchè: "All I Want, All I Get, Let It Be Captured In My Heart".
Modenese, metallaro, milanista, nonostante tutte le sue nefandezze, amo la vita e la possibilità che l'arte (a 360°: in primis cinema, letteratura e fumetti) mi offre di viaggiare con la mente sprigionando la mia fantasia. Basta un disco o un concerto per sentirsi in Finlandia sotto una nevicata, anche se il paese più affascinante e variopinto del mondo rimane la nostra Italia. Doom on!

Post precedente

AGGLUTINATION METAL FESTIVAL 2017 - Gli ultimi dettagli e il running order

Post successivo

NARNIA - Guarda il video di 'Reaching For The Top'