Loud Albums

DAWN OF WINTER – ‘In The Valley Of Tears’

Quasi in sordina, la I Hate fa un gran regalo a tutti i doomster amanti dell’underground. La label svedese ripubblica infatti ‘In The Valley Of Tears’, disco di debutto dei tedeschi Dawn Of Winter, e lo arricchisce di molte e interessanti bonus-track. Ma procediamo con ordine: l’album esce originariamente nel 1998, dopo una trafila di demo ed EP durata diversi anni. Anima dei Dawn Of Winter, la coppa costituita dal vocalist Gerrit P. Mutz e dal chitarrista Jorg M. Knittel, all’epoca entrambi anche nei Sacred Steel. Nessuna traccia di roboante heavy metal tra i solchi di ‘In The Valley Of Tears’, ma un doom metal dilatato ed estraniante, figlio dei Saint Vitus ben più che dei Black Sabbath. L’originale uscì per la Iron Glory ed è difficilmente reperibile, cosa che spiega questa ristampa. Anche perché si tratta di un disco assolutamente valido, in cui Mutz e Knittel danno spazio al lato più oscuro e claustrofobico della loro creatività – almeno due sono gli highlight assoluti dell’album, la tesa opener ‘Fallen Empire’ e la dilatata ‘Where Low The Ravens Fly’. Se l’inimitabile voce di Gerrit personalizza ulteriormente un suono già completo e ben definito, è indubbio che nel corso degli anni i suoi miglioramenti a livello di tecnica ed espressività siano stati davvero sensazionali – e la foto sulla back cover certifica bene il tempo che è passato da allora… Il secondo CD viene definito come bonus, e racchiude il demo ‘In Servitude To Destiny’, pubblicato nel 1996, subito prima dell’album – che ne comprende comunque i quattro brani, anche se in versione differente – oltre ai due EP ‘Slow Is The Suffering’ e ‘The Skull Of The Sorcerer’, pubblicati rispettivamente nel 2001 e nel 2012, e usciti originariamente solo in vinile. Evidente anche in questo caso la crescita sonora della band, nel tempo diventata una realtà di spicco della scena per lo meno europea. In tutto fanno quasi due ore di purissimo doom metal, racchiuso in un elegante e curatissimo digipack. Occasione imperdibile per completare o quasi la discografia di una band che merita appieno l’alone di culto che la circonda.

 

Tracklist:

CD1
In The Valley Of Tears
01 Fallen Empire 4:55
02 Return To Forever 5:00
03 Ritual Magic 4:23
04 In The Valley Of Tears 7:01
05 Where Low The Ravens Fly 4:35
06 Carnival Of Souls 4:06
07 Funeral 8:33
08 Black Revelations 5:24
09 Sad Ocean 3:40
10 Dawn Of Winter 6:29

CD2
The Skull Of The Sorcerer
1 Dagon’s Blood 03:46
2 The Skull Of The Sorcerer 07:22
3 By The Blessing Of Death 04:20
4 In Servitude To Destiny 05:35

Slow Is The Suffering
5 Titus Vanis 06:01
6 Slow Is The Suffering 06:21
7 Thirty And Miserable 05:25

In Servitude To Destiny
8 Sad Ocean 03:33
9 Funeral 06:56
10 Where Low The Ravens Fly 04:25
11 Dawn Of Winter 06:27

Line-up:
Gerrit P. Mutz – voce
Jorg M. Knittel – chitarra
Joachim Schmalzried – basso
Dennis Schediwy – batteria

Editor's Rating

Sandro Buti

Sandro Buti

Scrivo di heavy metal dai lontani e gloriosi anni Ottanta. Prima su fanzine più o meno amatoriali, poi dalla metà degli anni Novanta su magazine come Flash, Metal Hammer e Metal Maniac. Sono da sempre un cultore della scena underground, perché è ricca e perché è da lì che tutti arriviamo...

Post precedente

ANTHRAX - Guarda tutto lo show di Philadelphia del 5 aprile

Post successivo

FATES WARNING - Lezioni Di Volo