Loud Albums

DARK AGES – ‘A Closer Look’

Una volta c’era il progressive metal. Anzi, metal prog lo si chiamò in Italia negli anni Novanta, quasi a volersi differenziare dalla scena prog metal internazionale. Le band italiane avevano tipicamente una più marcata vena prog, spesso imparentata con il rock progressivo e sperimentale che negli anni Settanta aveva reso la nostra scena una delle più floride al mondo. La storia dei Dark Ages risale addirittura agli anni Ottanta, anche se il loro primo disco è del 1991, e solo nell’ultima decade la band veronese è riuscita a dare continuità alle sue uscite. Ma la musica ha forti elementi di contatto con quella scena metal prog, come pure con le storiche realtà italiane degli anni Settanta, senza dimenticare passaggi e atmosfere più prettamente metalliche. ‘A Closer Look’ arriva dopo i due episodi della saga di ‘Teumman’, e porta con sé importanti novità in tema di line-up – primo tra tutti l’innesto del nuovo singer Roberto Roverselli. Al timone resta saldo il chitarrista Simone Calciolari, unico membro originale della band, peraltro ottimamente supportato dalle tastiere di Angela Busato. ‘A Closer Look’ ci offre un progressive rock, che spesso e volentieri si apre ad atmosfere più accese – vedi la diretta ‘At The Edge Of Darkness’. I Dark Ages hanno ascoltato i Dream Theater certo, ma anche gli Yes e le Orme – tutti elementi che trapelano all’ascolto del disco. E’ facile definire ‘A Closer Look’ un disco di grande eleganza, per la cura delle melodie e degli arrangiamenti, ma il disco mostra anche atmosfere epiche ed oscure, che possono richiamare Black Sabbath e Atomic Rooster. Evidente la matrice settantiana dunque, anche se i Dark Ages non appaiono mai appiattirsi sul passato: le sonorità di ‘A Closer Look’ appaiono fresche e coinvolgenti, pur nei loro richiami classici. Il risultato è un disco ricco di spunti ed emozioni, oltre che di indiscutibile qualità.

Tracklist:
01. A Closer Look
02. Till the Last Man Stands
03. Yours
04. At the Edge of Darkness
05. Against the Tides
06. The Anthem
07. Fading Through the Sky

Line-up:
Roberto Roverselli – voce
Simone Calciolari – chitarra
Angela Busato – tastiere
Gaetano Celotti – basso
Carlo Busato – batteria

Editor's Rating

Sandro Buti

Sandro Buti

Scrivo di heavy metal dai lontani e gloriosi anni Ottanta. Prima su fanzine più o meno amatoriali, poi dalla metà degli anni Novanta su magazine come Flash, Metal Hammer e Metal Maniac. Sono da sempre un cultore della scena underground, perché è ricca e perché è da lì che tutti arriviamo...

Post precedente

MR. BIG - 'Defying Gravity'

Post successivo

DECAPITATED - Ascolta 'One Eyed Nation' dal nuovo album 'Anticult'