Loud Albums

CRANIAL ENGORGEMENT – ‘Horrific Existence’

Sono in tre e suonano per 20. Fanno letteralmente paura i californiani Cranial Engorgement, portabandiera di un brutal death/slam, tecnico e devastante. Accostabili a band come Vulvectomy e Abominable Putridity i Nostri si lanciano in brani dove il mostruoso batterista John Kraken (mai nome fu più adatto) riesce ad abbattere il muro del suono, devastandoci le orecchie con il conseguente “boom sonico”. Un disco dove la brutalità è sempre e comunque asservita ai brani, assurdamente riconoscibili nonostante la liquida violenza sonora che ci viene fatta colare sulle nostre teste. Cambi di tempo, riff, stacchi e tonnellate di groove è quello che ci aspetta, con una prova maiuscola di Tyler Contreras, bassista che sa come non far sentire la mancanza di una seconda chitarra. Contreras riesce a riempire il lebbroso sound dei Nostri, non mancando di stupire con pregevolezze tecniche che emergono dall’insieme. Noah Lopez ha una voce distruttiva ed un gran gusto alla chitarra, capace di trovare riff che si stampano in testa per la loro (apparente) semplicità e (indubbia) efficacia. ‘Molded By Cruelty’ ospita John Gallagher dei Dying Fetus, un brano che è un vero ricettacolo di malattia, violenza e morbosità in musica. Qui davvero tutto arriva al parossismo: prestazioni vocali, ritmi, riff macchiavellici. Di tutt’altro registro è il brano strumentale intitolato ‘In Loving Memory’, dove chitarra e basso disegnano un landscape onirico e dilatato. Abbiamo citato i due pezzi che maggiormente si mettono in luce in una tracklist comunque ottima, varia ed incalzante. Un disco da sentire e risentire senza annoiarsi, auto-infliggendoci del dolore di qualità.

Tracklist:
01. Prelude To Horror (Intro)
02. Dawn Of The Final Day
03. Conceived Into The Suffering
04. Mongoloid Massacre
05. Slithering Savior
06. A Living Hell
07. I Am God
08. Molded By Cruelty (Feat. John Gallagher)
09. In Loving Memory (Instrumental)
10. Horrific Existence
11. Sodomized And Left To Die

Line-up:
Noah Lopez – voce, chitarra
Tyler Contreras – basso
John Kraken – batteria

Editor's Rating

Alberto Biffi

Alberto Biffi

Alla tenera età di 11 anni fui folgorato sulla via di Damasco da una voce divina e soprannaturale (Bruce Dickinson), che mi guidò sulla retta via del Signore (R.J. Dio). Da allora ho vagato nel mondo metal cercando la mia giusta collocazione; dapprima come groupie (ma dovetti rinunciare presto, troppo brutto e peloso), poi come musicista coinvolto in innumerevoli progetti nell'area rock lombarda ed infine come umile scribacchino digital-musicale. Già redattore per Truemetal.it, Italiadimetallo.it, Metalitalia.com, Suonidistortimagazine.it ed altre innumerevoli realtà minori ma sempre e comunque professionali ed appassionanti, mi accingo ad iniziare questa nuova entusiasmate avventura con loudandproud.it.

Post precedente

OMEN/BATTLEROAR - Split 7'' con due brani inediti

Post successivo

Behind the Mask!