Loud Albums

CLAYMOREAN – ‘Sounds From A Dying World’

Non è per forza lineare la storia dei serbi Claymorean. Sotto il nome di Claymore, sono stati attivi dal 1994 al 2003, registrando anche un disco. Sono tornati in pista nel 2012, per poi assumere il nome attuale due anni dopo. In totale, ‘Sounds From A Dying World’ è il quarto album della loro storia. Ed è un disco che ha tutto per piacere ai defender più incalliti, pur senza essere un capolavoro. Il quartetto di Lazarevac – sobborgo di Belgrado, per voi con la faccia a punto interrogativo – ci offre un heavy metal quadrato e potente, più maestoso che orecchiabile, arricchito da un ottimo guitarwork di stampo neoclassico. Nelle sette tracce originali che compongono l’album – l’ultima è una copver dei Cloven Hoof, azzeccata come scelta e resa in modo ottimale – i Claymorean puntano su mid tempo rocciosi e melodie dal sapore arcano, non per forza immediate ma quasi mai banali. Dejana Garčević ha una voce ruvida, robusta, non particolarmente duttile, che però fa la sua figura nello scenario sonoro dipinto dai suoi compagni. Che piazzano un vero highlight nella doomeggiante ‘Blackest Void’, un brano rallentato di grande suggestione.  Ma che si fanno comunque valere lungo tutto l’arco del disco. Che come detto, non è un capolavoro, ma è un esempio di solido e valido heavy metal di scuola underground, da parte di una band che merita certo un palcoscenico internazionale.

Tracklist:
01. The Road to Damnation
02. Old Mountain
03. Cimmeria
04. Blood-Red Shield
05. Rage of the White Wolf
06. The Final Journey
07. Blackest Void
08. Astral Rider

Line-up:
Dejana Garčević – voce
Vladimir Garčević – chitarra
Uroš Kovačević – chitarra
Goran Garčević – basso

Editor's Rating

Sandro Buti

Sandro Buti

Scrivo di heavy metal dai lontani e gloriosi anni Ottanta. Prima su fanzine più o meno amatoriali, poi dalla metà degli anni Novanta su magazine come Flash, Metal Hammer e Metal Maniac. Sono da sempre un cultore della scena underground, perché è ricca e perché è da lì che tutti arriviamo...

Post precedente

SUMMONING - I dettagli del nuovo album 'With Doom We Come'

Post successivo

NOCTURNAL RITES - 'Phoenix'