Loud Albums

BELLATHRIX – ‘Orion’

La mitica Black Widow ci spedisce un bel CD, e non appena apriamo il booklet non possiamo non riconoscere l’onnipresente Pier Gonella, chitarrista eclettico che riesce a passare con disinvoltura dal power prog di “labirintica” memoria al metallo estremo dei genovesi prime-movers Necrodeath. Cosa suona qui? Il nostro amico – qui indicato come “guest guitar” – aiuta i Bellathrix in questo eterogeneo ‘Orion’. Nelle intenzioni dei Nostri c’è la voglia di riproporre heavy metal classico con sfumature prog e folk ma, secondo noi, c’è molto molto di più, e non sempre riuscito. Prendete ad esempio il brano ‘My Revenge’ tanto pregno di Hendrix, wha wha e funky da spiazzarci. Facendoci l’orecchio non possiamo non convenire che forse è un brano che non avrebbe stonato nei Deep Purple Mark III. Il Folk fa capolino nella bella ‘I Don’t Believe A Word’, una bella ballata dove la brava Stefania Prian mostra il lato più caldo e bluesy della sua voce. Anche qui l’influenza di Deep Purple e Whitesnake (ed un pizzico di Beatles) è ben presente. Il metal c’è non preoccupatevi, con la rocciosa opener ‘The Road In The Night’, la bella ‘Before The Storm’ (graziata da un ottimo ritornello) e dalla cover di ‘The Ritual’ (tratta da ‘The Ritual’ EP, L.M. Records, 1987). Il disco è assolutamente verace, con dei suoni che sembrano presi in sede live, e addirittura una piccola sbavatura nell’intro chitarristica di ‘Orion’. La produzione non è delle migliori, con una voce troppo in primo piano ed in generale una mancanza di mordente che si fa sentire. Il disco è suonato bene e ben composto, ma manca di quella spinta, di quell’aggressività nel sound che gli avrebbe permesso di essere internazionalmente competitivo. Troppo spesso abbiamo l’impressione che il gruppo suoni “spompato”. Forse Stefania avrebbe bisogno di mollare le briglie e lasciar correre la sua voce, qui notevolmente più rilassata e a proprio agio sui pezzi folk, come nella splendida e conclusiva ‘King Of Camelot’. Concludendo: un disco che con una produzione più aggressiva (sopratutto per chitarre e batteria), un cantato meno controllato e magari un packaging più professionale, avrebbe potuto essere molto più interessante. Se nelle intenzioni della band la loro musica dovrebbe essere una commistione tra metal classico, prog e folk, bhe… siamo bene lontani. I Nostri propongono un hard rock dalle forti tinte blues, e poi, in episodi singoli e isolati, splendidi brani folk, dove la voce di Stefania è davvero perfetta, accompagnata da flauti e violini. In questo dualismo c’è anche un grosso gap qualitativo, in quanto i brani rock palesano molti limiti, mentre quelli folk sono poetici, sognanti, da riascoltare continuamente. Cosa fare? Spostarsi su un unico genere? Fondere al meglio le due influenze? Una scelta che spetta ovviamente alla band.

Tracklist:
01. The Road In The Night
02. Before The Storm
03. Fly In The Sky
04. My Revenge
05. I Don’t Believe A Word
06. The Ritual (cover Strana Officina)
07. Orion
08. King Of Camelot

Line-up:
Stefania Prian – voce
Manuela Lally Cretella – chitarra
Marcello Daisy Mazzone – chitarra
Pier Gonella – chitarra
Steve Vawamas – basso
Elisa Pilotti – batteria

Editor's Rating

Alberto Biffi

Alberto Biffi

Alla tenera età di 11 anni fui folgorato sulla via di Damasco da una voce divina e soprannaturale (Bruce Dickinson), che mi guidò sulla retta via del Signore (R.J. Dio). Da allora ho vagato nel mondo metal cercando la mia giusta collocazione; dapprima come groupie (ma dovetti rinunciare presto, troppo brutto e peloso), poi come musicista coinvolto in innumerevoli progetti nell'area rock lombarda ed infine come umile scribacchino digital-musicale. Già redattore per Truemetal.it, Italiadimetallo.it, Metalitalia.com, Suonidistortimagazine.it ed altre innumerevoli realtà minori ma sempre e comunque professionali ed appassionanti, mi accingo ad iniziare questa nuova entusiasmate avventura con loudandproud.it.

Post precedente

THRESHOLD - La band invita il membro fondatore Jon Jeary per un cameo sul nuovo album

Post successivo

SEPTICFLESH - I dettagli del nuovo album 'Codex Omega', lyric video online