Loud Albums

ATTIC – ‘Sanctimonious’

La forma innanzitutto. Che in ‘Sanctimonious’ è rappresentata da un elegante e suggestivo artwork in bianco e nero, firmato da Markus Vesper con tanto di piantina estesa del convento teatro della storia. Sì, perché il secondo album degli Attic è un elaborato concept, che segue le vicende oscure – ed orrorifiche – di una suora alla metà del diciassettesimo secolo. Chi già a questo punto sente aria di King Diamond ha perfettamente ragione: tutto negli Attic ricorda il Re Diamante e i suoi Mercyful Fate. Dal cantato di Meister Cagliostro (!), spesso e volentieri giocato su un parossistico falsetto, fino alla struttura dei pezzi, epici ed oscuri a tratti, che addirittura in certi momenti ripropongono le improvvise accelerazioni che caratterizzavano i momenti migliori delle due band guidate dal Re in tempi diversi. Inutile giocare troppo con le parole, gli Attic sono devoti in tutto e per tutto a King Diamond e alla sua storia. E questa può essere un’arma a doppio taglio. Dal punto di vista formale, gli Attic reggono bene il confronto, sia per la voce demoniaca di Cagliostro che per parti musicali tutto meno che rivoluzionarie, ma comunque suggestive e ben riuscite nella loro teatralità. Ed il concept in sé risulta appassionante e costruito con cura, secondo i dettami del Re. Certo, parlare di personalità in questi casi è azzardato, ma siamo di fronte a una band che sceglie apertamente di seguire con la massima fedeltà possibile un percorso ben definito. E allora? Non resta che godersi le atmosfere horror di questo ‘Sanctimonious’, dall’incalzante ‘A Serpent In The Pulpit’ all’articolata ‘Sinless’, fino all’epica ‘On Choir Stalls’ ed al nerissimo climax finale di ‘There Is No God’. Il disco è ben fatto, le atmosfere suggestive e coinvolgenti. Non c’è molto altro da chiedere, no? 

Tracklist:
01. Iudicium Dei
02. Sanctimonious
03. A Serpent in the Pulpit
04. Penalized
05. Scrupulosity
06. Sinless
07. Die Engelmacherin
08. A Quest for Blood
09. The Hound of Heaven
10. On Choir Stalls
11. Dark Hosanna
12. Born from Sin
13. There Is No God

Line-up:
Meister Cagliostro – voce
Katte – chitarra
Rob – chitarra
Chris – basso
JP – batteria

Editor's Rating

Sandro Buti

Sandro Buti

Scrivo di heavy metal dai lontani e gloriosi anni Ottanta. Prima su fanzine più o meno amatoriali, poi dalla metà degli anni Novanta su magazine come Flash, Metal Hammer e Metal Maniac. Sono da sempre un cultore della scena underground, perché è ricca e perché è da lì che tutti arriviamo...

Post precedente

RICHIE KOTZEN – Il report del concerto @ Circolo Magnolia, Segrate (Mi) – 04.09.2017

Post successivo

Arch Enemy - 'Will To Power'