Loud Albums

APPICE – ‘Sinister’

Li abbiamo visti all’opera per anni al servizio di grandissime band quali Dio, Black Sabbath, Blue Murder, Vanilla Fudge, Cactus e Rod Stewart, ma mai e poi mai ci saremmo aspettati di vederli suonare insieme su un disco! I fratelli Appice girano il mondo portando il loro ‘Drum Wars’ da svariati anni ormai ed è giunta l’ora di imprimere definitivamente il ricordo di questa collaborazione in studio, con l’aiuto di Jorgen Carlsson (Gov’t Mule) per le registrazioni e di Steve DeAcutis per quanto riguarda mixing e mastering. Per fare ciò non hanno fatto altro che chiamare molti dei musicisti con i quali hanno collaborato in passato o con cui stanno collaborando proprio ora. E così vediamo Jim Crean e Phil Soussan (ex-Ozzy Osbourne) aprire le danze con la titletrack ‘Sinister’ e successivamente su ‘Danger’. ‘Monster And Heroes’ è un tributo a Ronnie James Dio (come ben deduciamo dal testo), a cui prestano la voce Paul Shortino (ex-Quiet Riot) e delle chitarre molto lynchiane Mike Sweda (Bulletboys). Chas West (ex-Bonham, ex-Lynch Mob) e Craig Goldy (ex-Dio, ex-Giuffria) insieme a Tony Franklin (dai, non serve che scriviamo qualcosa tra parentesi) su ‘The Killing Floor’ ci portano su quell’hard rock ottantiano meno glam, simile a quello dei Bonham e di Coverdale/Page. Ritroviamo il buon Tony Franklin anche su una magnifica cover di ‘Riot’ dei Blue Murder e su gran parte degli altri brani del disco. Altri grandi nomi si avvicendano come ospiti: Robin McAuley (MSG) su ‘Suddenly’, brano più complesso ritmicamente e non proprio scorrevole, Bumblefoot sulla glammissima ‘In The Night’ e Joel Hoekstra (Whitesnake) su ‘War Cry’. ‘Drum Wars’ è uno di quei duetti creati ad hoc dai fratelli Appice per il loro spettacolo/clinic, una sorta di duello fino all’ultima rullata; sulla stessa lunghezza d’onda è ‘Brothers In Drums’, dal testo molto autobiografico. Il brano più interessante è invece ‘You Got Me Running’: un riff iniziale molto cactusiano ed è cantato nientepopodimeno che da Carmine in persona! A concludere il tutto un classico del repertorio di Vinny dal vivo, ‘Sabbath Mash’, un medley-riassuntone dei suoi brani preferiti dei Black Sabbath. Di sicuro un esperimento curioso da ascoltare: si può giocare ad “indovina chi”, cercando di riconoscere quali parti sono suonare da Vinny e quali da Carmine, ma per questo progetto dei fratelli Appice si addice di più la dimensione live, arricchita da aneddoti e gag.

Tracklist:
01. Sinister
02. Monsters And Heroes
03. Killing Floor
04. Danger
05. Drum Wars
06. Riot
07. Suddenly
08. In The Night
09. Future Past
10. You Got Me Running
11. Bros In Drums
12. War Cry
13. Sabbath Mash

Line-up:
Jim Crean – voce
Paul Shortino – voce
Robin McAuley – voce
Chas West – voce
Scotty Bruce – voce
Craig Goldy – chitarra
Bumblefoot – chitarra
Joel Hoekstra – chitarra
Mike Sweda – chitarra
Erik Turner – chitarra
David Michael Phillips – chitarra
Tony Franklin – basso
Phil Soussan – basso
Johnny Rod – basso
Jorgen Carlson – basso
Erik Norlander – tastiere
Carmine Appice – batteria e voce
Vinny Appice – batteria

Editor's Rating

Giulia Mascheroni

Giulia Mascheroni

"I know I don't belong/And there's nothing I can do/I was born too late/And I'll never be like you" potrebbe essere la summa della mia adolescenza solitaria, passata ad imparare a memoria album, biografie e testi.
Dal 2013 vivo a Londra e, a parte sopravvivere, tutta la mia vita ruota attorno alla musica dal vivo, dalle vecchie glorie del passato alle band più underground.
Dal 2014 collaboro con Rock Hard Italia e Classic Rock Lifestyle e la mia missione personale è cercare di far scoprire anche al pubblico italiano cosa è "in" o "out" da queste parti.
Nel tempo libero suono la batteria, ma questa è tutta un'altra storia.

Post precedente

MOONSPELL - Guarda il video di 'In Tremor Dei'

Post successivo

DREAM TRÖLL – ‘The Knight Of Rebellion’