Loud Albums

ANVIL – ‘Pounding The Pavement’

Il flusso creativo degli Anvil è uno tsunami artistico che non si ferma davanti a nessun ostacolo, anzi – imperterrito e feroce – spazza via ogni cosa gli si pari di fronte. Due soli anni sono passati dall’ultimo ‘Anvil Is Anvil’, due anni in cui i Lips e soci non si sono evidentemente concessi nessun periodo di vacanza, dedicandosi anzi alla stesura dei 12 brani che compongono questo scoppiettante ‘Pounding The Pavement’. album numero 17 (da ascoltare passando sotto una scala mentre un gatto nero ci attraversa la strada). La quadrata ‘Bitch In The Box’ fa da apripista ad un lavoro contrassegnato da songs killer e veramente ispirate, ed altre un po’ meno efficaci e ficcanti. Tutto molto Anvil quindi. Del primo gruppo fanno indubbiamente parte ‘Ego’, un proiettile sparato a tutta velocità verso le orecchie dell’ascoltatore e ‘Rock That Shit’, una versione rock and ruuoooll dei tre canadesi che ci piace assai e che speriamo di sentire live durante i prossimi show tricol… ah no, scusate. Non godono invece della stessa lucentezza episodi meno azzeccati come la noiosetta ‘Nanook Of The North’ e ‘Doing What I Want’, canzoni che non apportano nulla al comunque positivo insieme. ‘Pounding The Pavement’ quindi, un album in cui convergono tutte le facce degli Anvil, un album come sempre genuino e sanguigno, composto in pochissimo tempo e figlio di un entusiasmo ritrovato dopo alcuni, troppi anni di ingiusto anonimato e di montagne e montagne di rospi ingoiati. Ma i Nostri, si sa, hanno due palle grandi come due grizzly, e non esiste barriera che possa fermare l’incudine ed il suo infernale battito. Bentornati ragazzi!

Tracklist:
01. Bitch In The Box
02. Ego
03. Doing What I Want
04. Smash Your Face
05. Pounding The Pavement
06. Rock That Shit
07. Let It Go
08. Nanook Of The North
09. Black Smoke
10. World Of Tomorrow
11. Warming Up
12. Don´t Tell Me (bonus track)

Line-up:
Steve “Lips” Kudlow – chitarra, voce
Chris Robertson – basso
Robb Reiner – batteria

Editor's Rating

Martino Brambilla Pisoni

Martino Brambilla Pisoni

Amante del metal e del rock fin da bambino (cresciuto a pane e Litfiba da mio fratello), della montagna, del Milan ed ovviamente della Spagna. Nel mio piccolo alfiere del metal spagnolo in Italia, faccio la spola tra Lecco e Madrid per poter assistere ai numerosi concerti delle band iberiche che da quasi 40 anni infiammano con il loro metal dannatamente classico il suolo spagnolo.

Post precedente

SUMMONING - 'With Doom We Come'

Post successivo

CRUENTATOR - ‘Ain’t War Hell?’