Loud Reports

ANGELUS APATRIDA – Il report del concerto @ Sala Changó, Madrid (Es) – 27.01.2017 [Esclusiva per l’Italia]

Weekend spagnolo? Perché no! Facciamo al volo lo zaino e ci imbarchiamo direzione Madrid, per salutare alcuni amici lasciati nella capitale spagnola ma soprattutto, per rendervi conto dell’infuocato show targato Angelus Apatrida tenutosi nell’accogliente Sala Changó.
La band thrash metal originaria di Albacete – che abbiamo avuto il piacere di intervistare – ha scelto Madrid e Barcellona per registrare due show che finiranno poi in un imponente Dvd + Lp/Cd live ed ovviamente noi di Loud And Proud – in esclusiva per l’Italia – non potevamo lasciarci sfuggire questa ghiotta occasione. Al contrario di quanto succede in Italia, qui in Spagna le band nazionali ricevono il giusto appoggio e la giusta spinta da parte dei fan e non è quindi raro vedere immortalati tra i solchi di cd e dischi, concerti “autoctoni”… ma forse è meglio non dilungarsi troppo su cose già dette e ripetute.
Un po’ di tricolore lo troviamo nella band scelta dagli Angelus come opening act per queste due date. Stiamo parlando dei torinesi Ultra-Violence, tra i fiori all’occhiello della nostra scena thrash. In una buona mezz’ora i quattro piemontesi sciolgono i freni per offrirci un’esibizione al cardiopalma, capace di scatenare i primi circle pit nelle sudatissime file a ridosso del palco. Forti di un album tritaossa come l’ultimo ‘Deflect The Flow’, gli Ultra-Violence possono contare su una buona set-list accolta con entusiasmo ed urla di incitamento dai metaleros spagnoli. Solo due parole per definire questa band: orgoglio italiano.

italia2

Un rapido cambio di palco ed ecco che Guillermo e soci fanno il loro ingresso on stage, spinti dagli applausi dei fan che stasera hanno riempito in ogni angolo la Changó. La tecnica dei musicisti e la proposta musicale – un thrash metal fresco e ricco di spunti melodici – degli Angelus Apatrida, sono i vanti di una band che è partita alla conquista del mondo grazie ad album curati nel dettaglio e veramente accattivanti. Stasera trovano spazio molti estratti dall’ultimo ‘Hidden Evolution’, senza tralasciare ovviamente pindarici voli nel passato alla riscoperta di pezzoni come ‘Fresh Pleasure’, accompagnata da monumentali dosi della birra patrocinata dalla band, e l’ormai classico ‘Give’ Em War’, vera e propria mazzata che non risparmia nessuno dei presenti in zona pit. Quest’ultima bollente e rovente, dove non si contano nemmeno più gli stage diving ed i wall of death.

italia3

Tra un brano e l’altro c’è anche il tempo per consegnare una Jackson al fortunato fan, che ha vinto il concorso messo in piedi dagli Angelus prima dei concerti a Madrid e Barcellona. Divertente poi, il simpatico siparietto in cui il singer Guillermo mostra con orgoglio una bandiera italiana tirata poco prima sul palco – lanciata da chi scrive (!) – cogliendo l’occasione per salutare e ringraziare gli Ultra-Violence.
La clamorosa ‘You Are Next’ è il sigillo posto dai Nostri su una serata che rimarrà nella storia del metallo spagnolo. E che ancora una volta ci ha fatto capire quanto la genuinità sia il motore che manda avanti, da più di quarant’anni, la musica che tutti amiamo. Ora aspettiamo con ansia di rivivere davanti ad un Pc o ad una televisione le emozioni di questa sera, magari insieme a qualche amico ed a una buona dose di cerveza artigianale!

Si ringrazia calorosamente Dani Diez per la gentile concessione delle foto allegate.

Martino Brambilla Pisoni

Martino Brambilla Pisoni

Amante del metal e del rock fin da bambino (cresciuto a pane e Litfiba da mio fratello), della montagna, del Milan ed ovviamente della Spagna. Nel mio piccolo alfiere del metal spagnolo in Italia, faccio la spola tra Lecco e Madrid per poter assistere ai numerosi concerti delle band iberiche che da quasi 40 anni infiammano con il loro metal dannatamente classico il suolo spagnolo.

Post precedente

DECADENCE - Ritorno sulle scene col nuovo 'Undergrounder' e lyric video di tutti i brani

Post successivo

CRYPTOPSY - Una data a giugno a Borgo Priolo (Pv)