Loud Albums

ALPHA TIGER – ‘Alpha Tiger’

Non è facile superare indenni un cambio di cantante. La voce, si sa, è il trademark di ogni band. E due anni fa, subito dopo la pubblicazione di ‘iDentity’, gli Alpha Tiger hanno dovuto vivere l’abbandono del vocalist originale, Stephan Dietrich. Non si sono fatti abbattere e tornano, oggi, con un nuovo disco che porta semplicemente il loro nome. Quasi a sottolineare che la storia della band va avanti, indipendentemente dai singoli che ne fanno parte. Il timone resta saldamente nelle mani del chitarrista Peter Langforth, che guida gli Alpha Tiger verso terreni musicali nuovi rispetto al passato, in qualche modo preannunciati dall’inusuale artwork. Il prog metal alla Queensryche del passato resta, ma rappresenta solo uno degli elementi di questo ‘Alpha Tiger’, disco che suona decisamente più vario rispetto ai suoi predecessori. Complice il timbro più duttile di Benjamin Jaino, gli Alpha Tiger di oggi si aprono all’hard rock epico degli Uriah Heep (‘My Dear Old Frend’ con i suoi inserti di Hammond), non disdegnano atmosfere folk, addirittura giocano con il Far West e sfiorano la coralità dei Queen (in ‘Welcome To Devil’s Town’), senza mai dimenticare del tutto la loro matrice originaria, quella più classicamente metal. Molto particolare è anche la conclusiva ‘The Last Encore’, con le sue atmosfere dilatate ed estranianti, a richiamare la creatività distorta di Edguy e Rough Silk. ‘Alpha Tiger’ non è per forza un disco facile, soprattutto per chi dalla band tedesca si aspetta un “classico” quarto album, ma è un lavoro ricco di spunti, da scoprire ascolto dopo ascolto. Un disco coraggioso, che darà soddisfazioni a chi si prenderà il tempo per ascoltarlo con la giusta attenzione.

Tracklist:
01. Road To Vega 02:05
02. Comatose 05:09
03. Feather In The Wind 05:35
04. Singularity 04:20
05. Aurora 04:56
06. To Wear A Crown 04:57
07. Vice 04:40
08. Welcome To Devil’s Town 05:44
09. My Dear Old Friend 05:56
10. If The Sun Refused To Shine 05:53
11. The Last Encore 04:54

Line-up:
Benjamin Jaino – voce
Peter Langforth – chitarra
Alexander Backasch – chitarra
Dirk Frei – basso
David Schleif – batteria

Editor's Rating

Sandro Buti

Sandro Buti

Scrivo di heavy metal dai lontani e gloriosi anni Ottanta. Prima su fanzine più o meno amatoriali, poi dalla metà degli anni Novanta su magazine come Flash, Metal Hammer e Metal Maniac. Sono da sempre un cultore della scena underground, perché è ricca e perché è da lì che tutti arriviamo...

Post precedente

FROST AND FIRE III - Il bill definitivo del festival

Post successivo

FESTA BIKERS 2017 - Gli orari dei concerti