Loud Albums

ALEPH – ‘Exhumed Alive’ EP

Gli Aleph sono il classico esempio di quanto qualità e successo spesso viaggino su binari paralleli, destinati troppe volte a non incontrarsi mai. La band bergamasca ha sfornato negli anni album di valore eccelso, capaci di guardare oltre a prestabiliti limiti stilistici e di muoversi a 360° all’interno del profondissimo e sfaccettato mare metallico. Purtroppo, come anticipato poco fa, i Nostri non hanno mai goduto di quella fama che spetterebbe di diritto a musicisti di questo calibro, andati avanti sempre e comunque a testa alta e superando tutti gli ostacoli che si presentano implacabili in quasi 20 anni di carriera. E’ per noi quindi un onore trovarci oggi a recensire questa nuova release targata Aleph, un EP live registrato presso il Centrale Rock Pub di Erba – uno dei pochi baluardi rimasti a difesa della musica live – e mixato dalle sapienti mani di Carlo Meroni. L’album si apre con una studio track, ‘Chimera MMXVI’, brano già contenuto nel full-lenght ‘Seven Steps Of Stone’ del 2009 e registrato nuovamente dalla band. Quasi dieci minuti di un dark death metal visionario e claustrofobico che avvolge l’ascoltatore con le sue spire mortali, letali e oppressive. Ottimo preludio alle successive tracce registrate in presa diretta e forti di un sound cristallino e potente, che nulla ha da invidiare alle produzioni di band più quotate e famose. Le teatrali linee vocali di Dave vengono esaltate da un lavoro certosino e preciso di tutti i componenti del gruppo, capaci di dare il meglio di sé e di rendere alla perfezione le intricate trame strumentali che compongono ogni brano degli Aleph. Le atmosferiche e sapienti tastiere di Giulio sanno essere presenti senza mai prendere il sopravvento sugli altri strumenti, mentre il drumming colorato e fantasioso del mastermind Manuel dona ad ogni singola song una propria e personale veste. Il metal degli Aleph va ascoltato, capito e ascoltato ancora, così ricco di sfumature e finezze che emergono ascolto dopo ascolto. Speriamo che l’importante traguardo dei 20 anni di carriera possa portare agli Aleph quella fama e quei riconoscimenti a livello internazionale che un gruppo di tale caratura merita senza se e senza ma.

Tracklist:
01. Chimera MMXVII
02. Intro
03. Nightmare Crescendo
04. The Snakesong
05. The Fallen
06. Winterlude
07. Smoke and Steel (Incl. Multitudes)
08. The Old Master

Line-up:
Dave Battaglia – voce, chitarra
Silvano “Hypnos” Belloni – chitarra
Giulio Gasperini – tastiera
Antonio Ceresoli – basso
Manuel “Ades” Togni – batteria

Editor's Rating

Martino Brambilla Pisoni

Martino Brambilla Pisoni

Amante del metal e del rock fin da bambino (cresciuto a pane e Litfiba da mio fratello), della montagna, del Milan ed ovviamente della Spagna. Nel mio piccolo alfiere del metal spagnolo in Italia, faccio la spola tra Lecco e Madrid per poter assistere ai numerosi concerti delle band iberiche che da quasi 40 anni infiammano con il loro metal dannatamente classico il suolo spagnolo.

Post precedente

THE CULT - Le foto del concerto @ Alcatraz, Milano - 26.06.2017

Post successivo

STALLION - 'From The Dead'