Loud Albums

AEONBLACK – ‘Metal Bound’

Premessa indispensabile, ‘Metal Bound’ non è in fondo una novità. E’ uscito autoprodotto già nel 2015, ma solo da poche settimane ha trovato una distribuzione ufficiale con la Metalizer che l’ha anche reso disponibile in vinile. E quindi ci sembra giusto occuparcene comunque, anche e soprattutto perché quello che ci offrono gli Aeonblack non è per nulla male. Anzi. Tedeschi del Baden, i nostri non sono propriamente dei ragazzini – anche se ‘Metal Bound’ è il loro debutto ufficiale, esistono da oltre dieci anni. Tedeschi dicevamo, anche se dal punto di vista musicale guardano decisamente oltre Oceano. Il loro è un heavy metal di scuola tradizionale, che spesso e volentieri sconfina nello speed: gli Aeonblack partono dai Judas Priest, aggiungono un pizzico di Savage Grace e tanto feeling underground – band come Mystik e Forte fanno capolino tra le tracce digitali di ‘Metal Bound’. Il risultato è sorprendentemente positivo: l’impressione è quella di un collettivo solido e collaudato, capace di creare brani potenti ma non privi di variazioni, come la title-track e ‘Coming Home’. Un pezzo come ‘Last Breath’ poi si candida a piccolo anthem in sede live, tra ritmo incalzante e refrain vincente. Insomma, ‘Metal Bound’ è cibo per tutti gli amanti dell’heavy metal classico, non solo per i pirati dell’underground.

Tracklist:
01. New Reality
02. Metal Bound
03. Coming Home
04. Last Breath
05. No One Knows
06. World Of Fools
07. This Is
08. Awake
09. Where is God?
10. Dangerous

Line-up:
Holger Fehrke-Berger – voce
Thomas Winter – chitarra
Michael “Maunze” Kan – chitarra
Jörg Belstler – basso
Kay Doria – batteria

Editor's Rating

Sandro Buti

Sandro Buti

Scrivo di heavy metal dai lontani e gloriosi anni Ottanta. Prima su fanzine più o meno amatoriali, poi dalla metà degli anni Novanta su magazine come Flash, Metal Hammer e Metal Maniac. Sono da sempre un cultore della scena underground, perché è ricca e perché è da lì che tutti arriviamo...

Post precedente

TEN - L'anteprima di 'Gothica' [Esclusiva Loudandproud.it]

Post successivo

AUFSCHWUNG - 'Под Крылом Чёрного Заката'