Talks

TIERRA SANTA – Rumbo a las Estrellas

Questo musicalmente ricchissimo 2017 ha visto, tra gli altri, il ritorno degli spagnoli Tierra Santa, una delle band iberiche più apprezzate fuori dai confini peninsulari. Il loro nuovo ‘Quinto Elemento’ (qui la recensione) ci ha riconsegnato un gruppo ancora più maturo e consapevole del proprio valore e della propria storia.

Tierra Santa_band
Foto di Reaktiu

Al leader Ángel il compito di spiegarci meglio cosa ci dobbiamo aspettare dalla banda de La Rioja e di ragguagliarci sul successo ottenuto dal nuovissimo album in Spagna.
“(Ángel) ‘Quinto Elemento’ è un lavoro che ci lascia molto soddisfatti, siamo riusciti a registrare un gran disco. E’ il nostro decimo lavoro in studio ed è stato veramente ben accolto dalla critica in Spagna. Siamo entrati al 24esimo posto nella chart dei dischi più venduti nel nostro paese e, dopo tre settimane, siamo ancora in classifica. Per noi è veramente importante sentire l’appoggio dei fan e siamo ovviamente molto felici di ciò.”

Come definiresti il sound dei Tierra Santa nel 2017?
“Tutto dipende dalle scelte che uno fa. Per sapere cosa c’è dietro l’angolo bisogna arrivare lì e guardare; la musica ti apre strade che puoi decidere di percorrere o no. Il sound dei Tierra Santa è questo, la nostra musica ci ha portato fino a qui. La nostra musica è il nostro sound, qualcosa che ci identifica profondamente.”

1997-2017. Vent’anni di Tierra Santa! Quando vi siete accorti che sareste diventati una delle band più rappresentative del panorama heavy iberico?
“Credo che questo si possa vedere ed ascoltare, il trasporto con cui i nostri fan cantano le canzoni ad ogni concerto. E’ qualcosa di fantastico e mi sento orgoglioso di poter essere parte di tutto ciò.”

Le vostre lyrics parlano di argomenti come letteratura, religione, mitologia, etc.etc. Quanta ricerca c’è dietro ad un brano dei Tierra Santa?
“Beh, innanzitutto bisogna sempre leggere e capire il contenuto di qualcosa per poter spiegarlo al meglio, però la cosa più complicata è poterlo tradurre in poche parole in modo che il tutto arrivi all’ascoltatore in modo chiaro.”

Pensate di tornare in Italia con il tour promozionale di ‘Quinto Elemento’?
“E’ un peccato essere rimasti così tanto lontani dal vostro paese. Abbiamo suonato da voi nel febbraio del 2004, in un locale che se non ricordo male si chiamava Transilvania. Era stata la prima data del tour e ricordo che fu una serata incredibile, non ci aspettavamo così tanta gente entusiasta. E’ stato il nostro primo show italiano e ci ha resi felicissimi. Tornare da voi è un dovere da compiere.”

Quali sono le band che più hanno influenzato il vostro sound, che si è poi fatto molto personale nel corso degli anni?
“L’hard rock-heavy metal di fine anni Settanta e primi anni Ottanta è un genere insuperabile che ho potuto vivere e godere quando ero ragazzo. E’ qualcosa che da allora farà sempre parte di me e della mia musica. Ti parlo quindi di band come Iron Maiden, Rainbow, Judas Priest, Barón Rojo, Scorpions, etc.etc.”

Avete mai pensato di tradurre in inglese qualche vostro brano per arrivare a più fan stranieri?
“Non tradurrei mai i nostri brani per essere conosciuti di più all’estero, anche se penso non sfigurerebbero anche cantati in inglese. Non sarebbe male farlo, anche se le traduzioni letterali non riescono a trasmettere al 100% ciò che vuoi esprimere attraverso le tue canzoni.”

Quali sono i vostri piani futuri?
“Adesso ci dedichiamo alla promozione di ‘Quinto Elemento’ e a dicembre inizieremo un tour spagnolo (a cui noi ovviamente non mancheremo, Nda.) che continuerà fino a marzo 2018 e ci porterà anche in America Latina. In estate torneremo in Spagna per partecipare a qualche festival o evento, e a ottobre 2018 riprenderemo il tour indoor.”

Perfetto! Grazie mille e un saluto!
“Grazie a voi, è stato un piacere. Speriamo di tornare presto in Italia, sarebbe fantastico. Un saluto a tutti e molte grazie.”

Discografia:
Medieval (1997)
Legendario (1999)
Tierras De leyenda (2000)
Sangre De reyes (2001)
Indomable (2003)
Apocalipsis (2004)
Mejor Morir En Pie (2006)
Caminos De Fuego (2010)
Mi Nombre Será Leyenda (2013)
Quinto Elemento (2017)

Line-up:
Ángel San Juan – voce, chitarra
Dan Diez – chitarra
Roberto Gonzalo – basso
Juanan San Martín – tastiere
David Carrica – batteria

Martino Brambilla Pisoni

Martino Brambilla Pisoni

Amante del metal e del rock fin da bambino (cresciuto a pane e Litfiba da mio fratello), della montagna, del Milan ed ovviamente della Spagna. Nel mio piccolo alfiere del metal spagnolo in Italia, faccio la spola tra Lecco e Madrid per poter assistere ai numerosi concerti delle band iberiche che da quasi 40 anni infiammano con il loro metal dannatamente classico il suolo spagnolo.

Post precedente

ANCESTRAL - Live con gli ELVENKING a Brescia il prossimo 15 dicembre

Post successivo

THE DARK ELEMENT – ‘The Dark Element’