Loud Albums

MEAN STREAK – ‘Blind Faith’

Iniziamo citando una massima (abusata, ma pur sempre una massima): MAI GIUDICARE DALLE APPARENZE! Eh sì, perché spesso è facile dare giudizi basati su di una conoscenza superficiale o addirittura nulla, affidandosi solamente alla lingua, lingua che si muove senza prima consultare i ben più esperti cuore e cervello. Le cose (e le persone…) vanno conosciute bene, a fondo, pestando e ripestando la testa finché non si giunge ad una conclusione oggettiva e ragionevole. Vi confessiamo quindi che il primo ascolto di questo ‘Blind Faith’, nuovo album degli svedesi Mean Streak, non ci ha lasciati totalmente soddisfatti. Sembrava un lavoro un po’ rude, derivativo anche, con canzoni buttate lì. Poi però abbiamo schiacciato nuovamente il tasto play, per provare a risentire l’album e per vedere se le nostre prime sensazioni sarebbero state smentite dal diretto heavy metal del combo scandinavo. E cavolo…non avremmo potuto fare una scelta migliore! Ascolto dopo ascolto questo ‘Blind Faith’ invade la nostra mente, i nostri neuroni, che urlano impazziti nella nostra testa entusiasti per via delle note che scorrono attraverso il nostro corpo. Dallo stereo si sprigiona una tempesta metallica, che muovendosì qua e là è andata a raccogliere qualcosina dagli Stati Uniti, più precisamente dalle strade sporche e malfamate della California degli anni ’80. Corposo heavy metal con una spruzzatina di street e hard rock quindi, un mix incredibile che ci travolge come una mandria di rinoceronti (conoscete qualche animale svedese che possa avere la stessa efficacia? Renne? Mmm…). Ah, e non dimentichiamoci delle grandi dosi di melodia che vengono riversate in ritornelli come quello della ruffiana ‘Tears Of The Blind’ e dell’opener ‘Blood Red Sky’. ‘Blind Fate’ ha tutto, brani veloci come la killer track ‘Fire At Will’, attitudine stradaiola, ben evidente in ‘Tear Down The Walls’ e marziali mid-tempo come la cangiante ‘Come Undone’. Un sound corposo e moderno completano il tutto, consegnandoci un’altra grandissima opera che resisterà sicuramente al passare degli anni.

Tracklist:
01. Blood Red Sky
02. Animal In Me
03. Retaliation Call
04. Settle The Score
05. Tear Down The Walls
06. Tears Of The Blind
07. Love Is A Killer
08. Come Undone
09. Fire At Will
10. Caught In The Crossfire
11. Gunnerside

Line-up:
Andy La Guerin – voce, chitarra
Thomas Johansson – chitarra
Peter Andersson – basso
Jonas Källsbäck – batteria

Editor's Rating

Martino Brambilla Pisoni

Martino Brambilla Pisoni

Amante del metal e del rock fin da bambino (cresciuto a pane e Litfiba da mio fratello), della montagna, del Milan ed ovviamente della Spagna. Nel mio piccolo alfiere del metal spagnolo in Italia, faccio la spola tra Lecco e Madrid per poter assistere ai numerosi concerti delle band iberiche che da quasi 40 anni infiammano con il loro metal dannatamente classico il suolo spagnolo.

Post precedente

TWILIGHT FORCE - Apriranno il tour europeo dei DRAGONFORCE

Post successivo

PARADISE LOST - Il primo trailer del nuovo album 'Medusa'